martedì 9 settembre 2014

Contributi INPS, calano il tasso d’interesse e le sanzioni per ritardato o omesso versamento

Passa dal 6,15 al 6,05% il tasso di dilazione e differimento applicabile ai contributi previdenziali dovuti agli Enti di Previdenza e assistenza obbligatorie, mentre la misura delle sanzioni civili scende dal 5,65 al 5,55%. È l’effetto della recente decisone di politica monetaria della Banca Centrale Europea, che ha ridotto di 10 punti base il tasso di interesse (pari allo 0,05% a decorrere dal 10 settembre 2014) sulle operazioni di rifinanziamento principali dell’Eurosistema (ex Tasso Ufficiale di Riferimento).

Con la Circolare n. 103 dell’8 settembre 2014 l’INPS ha provveduto a ridefinire i su indicati tassi di interesse di dilazione e differimento, applicabili in caso di versamento contributivo rateizzato o differito, nonché la misura della sanzioni civili (di cui all’art. 116, comma 8, lett. a) e b) e comma 10, della Legge n. 388/2000) irrogate in caso di versamento ritardato o omesso.

Interesse di dilazione e di differimento

Con riferimento ai piani di rateazione presentati a decorrere dal 10 settembre 2014, l'interesse di dilazione per la regolarizzazione rateale dei debiti per contributi e sanzioni civili e l’interesse dovuto in caso di autorizzazione al differimento del termine di versamento dei contributi (dalla contribuzione relativa al mese di agosto 2014) dovranno essere calcolati al tasso del 6,05% annuo. Non subiranno invece modificazioni i piani di ammortamento già emessi e notificati in base al tasso precedentemente in vigore.

Sanzioni civili

A seguito della citata decisione della BCE, le sanzioni civili variano come segue:

in caso di mancato o ritardato pagamento di contributi o premi, il cui ammontare è rilevabile dalle denunce e/o registrazioni obbligatorie (di cui alla lett. a), comma 8, dell’art. 116 della Legge n. 388/2000), la sanzione civile è pari al 5,55% in ragione d’anno (tasso dello 0,05% maggiorato di 5,5 punti);

nell’ipotesi di cui alla lett. b), secondo periodo, del predetto art. 116, comma 8, la sanzione civile è ugualmente pari al 5,55% in ragione d’anno; in caso di evasione (art. 116, comma 8, lett. b), primo periodo) la misura della sanzione civile, in ragione d'anno, pari al 30% nel limite del 60% dell’importo dei contributi o premi non corrisposti entro la scadenza di legge;

nell’ipotesi disciplinata dal comma 10 dell’art. 116 (“Nei casi di mancato o ritardato pagamento di contributi o premi derivanti da oggettive incertezze connesse a contrastanti orientamenti giurisprudenziali o amministrativi sulla ricorrenza dell'obbligo contributivo, successivamente riconosciuto in sede giudiziale o amministrativa”), la sanzione civile sarà dovuta nella stessa misura del 5,55% annuo.

Fonte: www.fiscopiu.it//La Stampa - Contributi INPS, calano il tasso d’interesse e le sanzioni per ritardato o omesso versamento

Nessun commento:

Posta un commento

Multa stradale? Il postino non suona più, arriverà la Pec

Tempi moderni anche per le multe stradali che non verranno più recapitate dal postino bensì tramite pec. Ma il postino non andrà in pensione...