martedì 7 gennaio 2014

Ricorso contro la cartella di pagamento: può coinvolgere il merito solo se è tempestivo

Un contribuente proponeva ricorso avverso una cartella di pagamento relativa a IRPEG.  Sia la CTP che la CTR non accoglievano le sue doglianze affermando che: la cartella era stata preceduta dalla notifica dei presupposti avvisi di accertamento, pertanto, avverso la stessa potevano essere fatti valere esclusivamente vizi propri e non censure riguardanti il merito del rapporto fiscale che, eventualmente, andavano proposte impugnando gli avvisi suddetti; l’eccepita nullità della cartella per omessa indicazione del responsabile del procedimento era immotivata. Il contribuente ricorreva in Cassazione avverso tale decisione. La Suprema Corte – con l’ordinanza del 16 dicembre 2013, n. 28110 – ha rigettato il ricorso esaminando la questione alla luce del quadro normativo di riferimento e dei principi espressi in pregresse pronunce. In particolare, i giudici di legittimità hanno affermato che: in tema di processo tributario, i vizi dell’atto di accertamento dell’imposta non fatti valere dal contribuente con tempestivo ricorso, non si trasmettono agli atti successivamente adottati, che restano impugnabili esclusivamente per vizi propri; l’indicazione del responsabile del procedimento negli atti dell’Amministrazione finanziaria non è richiesta a pena di nullità.

Fonte: http://fiscopiu.it/La Stampa - Ricorso contro la cartella di pagamento: può coinvolgere il merito solo se è tempestivo

Nessun commento:

Posta un commento

Multa stradale? Il postino non suona più, arriverà la Pec

Tempi moderni anche per le multe stradali che non verranno più recapitate dal postino bensì tramite pec. Ma il postino non andrà in pensione...