martedì 11 aprile 2017

Moglie obbligata a fare sesso: marito condannato

I racconti fatti dalla donna sono ritenuti attendibili e inchiodano il coniuge: è stata costretta anche a sopportare umiliazioni, offese e percosse, oltre a sottostare agli istinti sessuali del marito.
La parola di lei contro la parola di lui. Per i Giudici il racconto fatto dalla donna però è sicuramente attendibile, e ciò è sufficiente per condannare il marito, colpevole di avere maltrattato per anni la moglie, umiliandola, offendendola e costringendola ad avere rapporti sessuali (Cassazione, sentenza n. 16608/17, sez. III Penale, depositata il 4 aprile scorso).
Ribellione. Ricostruita la vicenda, sono emersi in modo chiaro i comportamenti violenti tenuti per lungo tempo dall’uomo nei confronti della coniuge. Solo dopo anni di sopportazione, difatti, la donna ha trovato il coraggio di ribellarsi, denunciando quel marito che per lei è stato un aguzzino.
Il quadro da lei tracciato non lascia spazio a dubbi: il marito l’ha «maltrattata, imponendole condotte umilianti, ingiuriandola con espressioni offensive e volgari», anche «in pubblico», e «percuotendola in modo da provocarle lesioni serie», e, in diverse occasioni, «l’ha costretta, con la minaccia ed usando la forza, ad avere rapporti sessuali con lui».
Consequenziale la condanna, prima in Tribunale e poi in Appello, per l’uomo, che, però, vede mitigata la pena: da «7 anni di reclusione» è scesa a «4 anni e 3 mesi».
Violenza. La riduzione del tempo da trascorrere in carcere resta però l’unica vittoria per il marito violento. In Cassazione, difatti, vengono respinte le obiezioni proposte dal difensore dell’uomo, e finalizzate a sostenere che le «dichiarazioni» della donna siano state frutto della «elevatissima conflittualità esistente fra i due coniugi».
Per i magistrati non è in discussione l’attendibilità della donna. Ciò vale innanzitutto sul fronte dei «maltrattamenti», confermati da «certificazioni mediche» e da «dichiarazioni testimoniali». E identica ottica si applica anche agli «abusi sessuali» compiuti dall’uomo, con la moglie «costretta, anche con atti di violenza fisica di fronte al suo rifiuto, ad avere rapporti intimi con lui».
Da confermare in toto, quindi, la condanna a 4 anni e 3 mesi di reclusione decisa in Appello.

Fonte: www.dirittoegiustizia.it/Moglie obbligata a fare sesso: marito condannato - La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Il lato oscuro delle Rems metà dei pazienti rinchiusi prima ancora del giudizio

L’ultimo «internato» degli Ospedali psichiatrici giudiziari (Opg) è uscito a maggio. Gli eredi dei manicomi criminali sono stati chiusi, ma ...