lunedì 13 ottobre 2014

Risponde della bancarotta anche se il “sovrano” dell’azienda è il marito

Poco importa se il “sovrano assoluto” della S.p.A. era il marito, che la gestiva come “un’azienda familiare”, risponde di bancarotta impropria da reato societario anche la moglie, in qualità di componente del CDA. Anche a lei, che firmava il bilancio, il verbale del consiglio e la relazione sulla situazione patrimoniale ex art. 2447 c.c., è addebitato di aver esposto fatti materiali non rispondenti al vero sulla situazione economica della società, così cagionandone il dissesto oltre ad indurre in errore i creditori. Questo quanto si evince dalla sentenza del 9 ottobre scorso, n. 42257, con cui la Cassazione conferma la condanna della moglie, già emessa in Appello.

A convincere i Giudici di merito della consapevolezza dell’imputata, in ordine a falsificazioni e dissesto, il ruolo svolto dalla stessa nella gestione operativa della società che le consentiva, inoltre, di conoscere il fatturato e il flusso di cassa. Ma non solo. Anche le operazioni riguardanti la sfera economico-familiare: come la cd. sede di rappresentanza, “favolosamente ristrutturata e abbellita”, che altro non era se non l’abitazione di famiglia; la vicenda, coinvolgente la madre, dell’aumento di capitale; le fatturazioni a favore di imprese proprie o di parenti e affini. Tutti elementi, alcuni emergenti dagli stessi verbali del CDA, che dimostrano la sussistenza dell’elemento soggettivo.

Gli Ermellini, ritenuta la motivazione d’appello immune da vizi, chiariscono che in tema di bancarotta impropria da reato, il dolo presuppone una volontà tesa al dissesto, da intendersi non già quale intenzionalità d’insolvenza, bensì quale “consapevole rappresentazione della probabile diminuzione della garanzia dei creditori e del connesso squilibrio”. Tanto più che, per consolidata giurisprudenza, il componente del CdA risponde del concorso nella bancarotta, per mancato impedimento del reato, anche quando sia consapevolmente venuto meno al dovere di acquisire tutte le informazioni necessarie a espletare il suo mandato. Rigettato il ricorso dell’imputata agli effetti civili, la Cassazione ha comunque dovuto annullare la sentenza di merito per l’estinzione del reato.

Fonte: Fiscopiù - Giuffrè per i Commercialisti - www.fiscopiu.it/La Stampa - Risponde della bancarotta anche se il “sovrano” dell’azienda è il marito

Nessun commento:

Posta un commento

La sanzione accessoria della revoca della patente di guida non ha natura penale

La sanzione inflitta in via accessoria della revoca della patente di guida non ha natura penale. Lo ribadisce con fermezza la Corte di cassa...