martedì 21 gennaio 2014

Protesi al seno, l’errore non è coperto dalla legge Balduzzi

Il chirurgo che sbaglia la protesi al seno risponde penalmente anche dopo la legge Balduzzi. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 2347/2014, rigettando il ricorso di uno specialista di Avezzano condannato per lesioni colpose gravi per aver cagionato una malattia superiore a 40 giorni in seguito ad una mastoplastica additiva.

Non applicabile la legge 189/2012

Bocciata, dunque, la richiesta di applicazione della legge 189/2012 che, all’articolo 3, prevede per l’esercente una professione sanitaria che si attiene a linee guida ed a buone pratiche accreditate dalla comunità scientifica la non responsabilità penale per ‘colpa lieve’.

Tuttavia, secondo la Suprema corte, <<non vi sono elementi per ricondurre la condotta del ricorrente alla fattispecie de qua>>. Infatti, il giudice di primo grado ha rimarcato, traendola dalle risultanze probatorie, <<la piena sussistenza di un notevole grado di imperizia dell’imputato nei due interventi chirurgici>>.

La colpa grave

Dunque l’imputato è incorso in quella colpa grave tutt’ora rilevante nell’ambito della professione medica e rinvenibile <<nell’errore inescusabile, che trova origine o nella mancata applicazione delle cognizioni generali e fondamentali attinenti alla professione o nel difetto di quel minimo di abilità e perizia tecnica nell’uso dei beni manuali o strumentali adoperati nell’atto operatorio e che il medico deve essere sicuro di poter gestire correttamente o, infine, nella mancanza di prudenza o di diligenza, che non devono mai difettare in chi esercita la professione sanitaria>>.



  © RIPRODUZIONE RISERVATA


fonte: ilsole24ore.com/Protesi al seno, l’errore non è coperto dalla legge Balduzzi

Nessun commento:

Posta un commento

Lavoro domestico, nessun obbligo di comunicare l’infortunio lieve

I datori di lavoro domestici non hanno l’obbligo di comunicare all’INAIL gli infortuni sul lavoro lievi, anche quando si tratta di prestazio...