giovedì 21 novembre 2013

Condannato penalmente il padrone per il morso del cane

Lesioni colpose e 400 euro di multa per il padrone che abbia omesso di custodire il proprio cane all’interno di un parco dove il quadrupede rincorreva e mordeva al ginocchio una donna in bicicletta che cadendo si procurava delle lesioni. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 46307/2013.

Bocciate le doglianze del ricorrente. Secondo la Suprema corte infatti il giudice di Pace di Pisa ha indicato “con congrua e logica motivazione le ragioni che gli hanno consentito di ritenere la responsabilità dell’imputato”.  Il ricorrente infatti “aveva lasciato libero in area aperta al pubblico un cane doberman di notevoli dimensioni, senza guinzaglio, omettendo quindi le necessarie cautele dirette a prevenire azioni aggressive del cane, che infatti aveva aggredito una donna che procedeva in bicicletta, che cadeva a terra, procurandosi le lesioni di cui al capo di imputazione”.

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

fonte: ilsole24ore/Condannato penalmente il padrone per il morso del cane

Nessun commento:

Posta un commento

Lavoro domestico, nessun obbligo di comunicare l’infortunio lieve

I datori di lavoro domestici non hanno l’obbligo di comunicare all’INAIL gli infortuni sul lavoro lievi, anche quando si tratta di prestazio...