venerdì 4 ottobre 2013

Peculato per l’amministratore di una Spa con finalità pubbliche

Corte di cassazione - Sezione VI penale - Sentenza 3 ottobre 2013 n. 40954

Peculato e non abuso d’ufficio per l’amministratore unico che usa la carta di credito aziendale per ragioni private se lavora per una Spa che persegue un interesse pubblico. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 40954/2013, giudicando sul ricorso dell’amministratore di una società integralmente partecipata dal comune di Castellammare che gestiva in concessione lo sfruttamento delle acque termali.
Infatti secondo la Suprema corte “i soggetti inseriti nella struttura organizzativa e lavorativa di una società per azioni possono essere considerati pubblici ufficiali o incaricati di pubblico servizio, quando l’attività della società medesima sia disciplinata da una normativa pubblicistica e persegua finalità pubbliche, pur se con gli strumenti privatistici”.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

fonte: ilsole24ore/Peculato per l’amministratore di una Spa con finalità pubbliche

Nessun commento:

Posta un commento

Lavoro domestico, nessun obbligo di comunicare l’infortunio lieve

I datori di lavoro domestici non hanno l’obbligo di comunicare all’INAIL gli infortuni sul lavoro lievi, anche quando si tratta di prestazio...