sabato 4 marzo 2017

Lui alcolizzato e violento, lei succube: adozione per salvare i figli

Genitori carenti, e, soprattutto, per nulla propensi a cambiare il proprio discutibile stile di vita. A risentirne sono ovviamente i figli. Legittima, di conseguenza, la decisione di dichiararne l’adottabilità (Cassazione, ordinanza n. 4492 depositata il 21 febbraio 2017).
Una situazione di degrado. Nonostante l’opposizione di madre e padre, è evidente, secondo i Giudici, lo stato di abbandono in cui vivono i figli. Ciò mette a rischio il loro sviluppo armonico, e per questo motivo l’adozione è ritenuta l’unica soluzione possibile.
E’ inequivocabile il «degrado assoluto dell’ambiente in cui vive la famiglia»: da un lato, «l’abuso di sostanze alcoliche e le violenze da parte del padre», e dall’altro «la sottomissione della madre al marito e la sua incapacità di assumere decisioni protettive per i figli». Eppure i due genitori paiono non rendersi conto della precaria situazione in cui costringono anche i figli: non a caso essi hanno mostrato una clamorosa «incapacità di modificare il proprio stile di vita».
A rendere ancora più grave la posizione di madre e padre, poi, c’è l’assenza di rapporti significativi coi figli inseriti in una struttura di assistenza sociale e materiale, rapporti riassumibili in qualche telefonata e in pochissime visite. E ulteriore dato è quello relativo alla mancata realizzazione, a causa dei comportamenti dei genitori, dei «progetti di recupero elaborati dai ‘Servizi Sociali’».
A fronte di un quadro così delineato, è inutile il richiamo al principio secondo cui «il minore ha diritto a vivere nella propria famiglia». Confermata, di conseguenza, l’adottabilità dei figli della coppia.

Fonte: www.dirittoegiustizia.it/Lui alcolizzato e violento, lei succube: adozione per salvare i figli - La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Multa stradale? Il postino non suona più, arriverà la Pec

Tempi moderni anche per le multe stradali che non verranno più recapitate dal postino bensì tramite pec. Ma il postino non andrà in pensione...