domenica 19 giugno 2016

“Vieni fuori che facciamo a pugni”: minaccia non credibile perché pronunciata da un classe 1928

La discussione condominiale degenera in una lite. La frase incriminata, cioè la proposta di una scazzottata, è teoricamente valutabile come una minaccia, ma l’età del protagonista, 84 anni, rende inoffensive quelle parole.

Età. Assurdo epilogo per la discussione condominiale, degenerata in lite. E le parole utilizzate da uno dei contendenti, cioè “Vieni fuori che facciamo a pugni…”, gli valgono addirittura una «condanna per minaccia», con relativa «pena pecuniaria».

La decisione assunta dal giudice di pace viene ora smentita dai Magistrati della Cassazione. A loro dire, difatti, la teorica «idoneità intimidatoria della frase» pronunciata durante lo scontro condominiale è smentita dalla valutazione del «contesto» della vicenda. Più precisamente, viene posta in evidenza la differenza d’età tra i due litiganti: quello che ha proposto la scazzottata è un giovanotto classe 1928, con oltre venti anni in più rispetto all’altro contendente.

Tutto ciò rende evidente, sanciscono i giudici, la «inoffensività» delle parole pronunciate nella foga della discussione in condominio.

Fonte: www.dirittoegiustizia.it/“Vieni fuori che facciamo a pugni”: minaccia non credibile perché pronunciata da un classe 1928 - La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Multa stradale? Il postino non suona più, arriverà la Pec

Tempi moderni anche per le multe stradali che non verranno più recapitate dal postino bensì tramite pec. Ma il postino non andrà in pensione...