martedì 12 novembre 2013

Con le regole in “Gazzetta” al via maxirateizzazione dei debiti tributari

Al via la nuova maxi rateazione fino a dieci anni, introdotta dall’articolo 52,  del Dl n. 69/2013. E’ stato, infatti, appena pubblicato sulla “Gazzetta Ufficiale” il decreto 6 novembre 2013 del ministero delle Finanze, attuativo della disposizione di legge, che ha stabilito le condizioni di applicabilità della dilazione in esame.

Il provvedimento delle Finanze - recante “Rateizzazione straordinaria delle somme iscritte a ruolo, come previsto dall'articolo 52, comma 3, del decreto-legge n. 69 del 2013, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 98 del 2013”- è stato pubblicato sulla “Gazzetta Ufficiale” n.262 dell’8 novembre 2013)


Il quadro normativo. Ai sensi del novellato articolo 19, del Dpr 602/1973, il contribuente può chiedere che la dilazione ordinaria, ammessa sino ad un massimo di 72 rate mensili, possa essere differita sino a 120 rate mensili. Ciò, in presenza di due condizioni:

    a) il contribuente non è in grado di far fronte al pagamento delle rate determinate secondo i criteri della rateazione ordinaria;

     b) il contribuente è comunque solvibile rispetto al pagamento delle rate derivanti dall’allungamento a dieci anni del periodo di restituzione.

La medesima disposizione del Dl 69/2013 (“decreto del fare”) ha inoltre portato a otto rate complessive non pagate la condizione di decadenza dalla rateazione, prima fissata in due rate consecutive omesse. La norma in esame infine demandava a un successivo decreto attuativo delle Finanze il compito di rendere operativa la rateazione da congiuntura economica negativa, stabilendo i criteri per la concessione della stessa.

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

fonte: ilsole24ore//Con le regole in “Gazzetta” al via maxirateizzazione dei debiti tributari

Nessun commento:

Posta un commento

Multa stradale? Il postino non suona più, arriverà la Pec

Tempi moderni anche per le multe stradali che non verranno più recapitate dal postino bensì tramite pec. Ma il postino non andrà in pensione...