mercoledì 11 maggio 2016

Contratto di convivenza dall'avvocato

La convivenza nascerà dall’avvocato. Il contratto che regolerà le questioni patrimoniali dei conviventi potrà essere autenticato dal legale, oltre che dal notaio. È una delle novità del pdl sulle Unioni civili e sulle convivenze di fatto (ddl Cirinnà) su cui stasera o, al massimo domani mattina, sarà votata la fiducia alla camera. I nuovi istituti sono due e andranno ad affiancare il matrimonio. Nel dettaglio, le persone dello stesso sesso avranno a disposizione sia l’unione civile sia la convivenza. Mentre le persone di sesso diverso potranno unirsi in matrimonio oppure scegliere la convivenza. I tre regimi si differenzieranno quanto a diritti e doveri personali e patrimoniali.
La convivenza, infatti, sarà il rapporto a due di livello base, la cui disciplina sarà una somma di diritti e doveri senza, però, la creazione di un soggetto distinto. Il salto di qualità rispetto alla situazione attuale, che già ha riconosciuto in via giurisprudenziale prerogative a favore del convivente di fatto, sarà rappresentato dal contratto di convivenza. Si tratterà, infatti, di un contratto tipico, con cui si disciplineranno aspetti prettamente patrimoniali. Per la certezza dei rapporti sarà, quindi, opportuno che le parti sottoscrivano un contratto di questo tipo. Ed è proprio qui che emergerà la nuova competenza in capo agli avvocati, che saranno equiparati ai notai per la autentica della sottoscrizione. Ma non si tratterà solo di certificare l’autografia delle firme. L’avvocato e il notaio dovranno fare qualcosa di più: asseverare la liceità dell’accordo.

Fonte: www.italiaoggi.it//Contratto di convivenza dall'avvocato - News - Italiaoggi

Nessun commento:

Posta un commento

Reati stradali: Procura di Torino fissa le tariffe per il patteggiamento

La Procura di Torino ha pubblicato on line una tabella composta da ben 72 voci, che consente la definizione con patteggiamento o decreto pen...