lunedì 3 agosto 2015

Malato di gelosia, vessa la moglie: condannato

Comprensibile la gelosia verso il proprio partner, ma se diventa una vera e propria patologia, il problema è serio e può avere risvolti penali: significativa la condanna di un uomo, ritenuto colpevole di aver vessato per anni la moglie, spessissimo proprio a causa di una assurda gelosia (Cassazione, sentenza 26344/15).

Linea di pensiero comune tra i giudici del Tribunale e quelli della Corte d’appello: inequivocabili le condotte tenute da un uomo nei confronti della moglie, catalogabili come «maltrattamenti» in piena regola. Consequenziale la condanna ad «otto mesi di reclusione». Chiarissima, per i giudici, la lettura della vicenda: le vessazioni ai danni della donna non erano «circoscritte ai mesi appena precedenti la separazione coniugale» ma risalivano almeno a ventiquattro mesi prima, e si erano «protratte con abitualità e crescente aggressività», determinando così per la donna un «regime di vita quotidiano scandito da vessazioni e umiliazioni». E alla base di quelle assurde «condotte» la «ingiustificata e patologica gelosia» dell’uomo.

Ora, nel contesto della Cassazione, la prospettiva tracciata dai giudici di merito è ritenuta assolutamente corretta. Inutili le proteste dell’uomo, che vede, invece, confermata la propria «condanna» per i «maltrattamenti» e le «vessazioni» a cui ha sottoposto la moglie. Assolutamente non contestabili le valutazioni compiute tra primo e secondo grado, alla luce degli inequivocabili «dati informativi offerti dall’istruttoria». Su questo fronte, in particolare, non solo le «dichiarazioni accusatorie» della donna, ma anche le «testimonianze dei familiari e dei conoscenti della coppia, del medico curante di famiglia» e infine «del maresciallo dei Carabinieri e di una psicoterapeuta» hanno permesso di ‘certificare’ la «abitualità dei comportamenti sopraffattori stabilmente adottati» dall’uomo «in pregiudizio della consorte». Significative, ed esemplari, in particolare le parole del «figlio più grande» della coppia, il quale «ha riferito del clima di tensione familiare» e, soprattutto, «degli atteggiamenti di gelosia del padre».

Fonte: www.dirittoegiustizia.it /Malato di gelosia, vessa la moglie: condannato - La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Sgombero immobili abusivamente occupati: responsabile dell’inerzia è il Ministero

Occupazione abusiva di uno stabile: il Tribunale di Roma condanna il Ministero dell’Interno al risarcimento dei danni, nella misura di € 266...