venerdì 20 febbraio 2015

Addio alla famiglia, lei si dedica agli studi universitari: assegno mensile dall’ex marito

Vita nuova per la donna. Quest’ultima, chiusi i conti col passato – grazie anche alla ufficializzazione del divorzio dall’oramai ex marito –, scommette su sé stessa, sul proprio futuro, sulle proprie competenze, muovendo i primi passi da donna indipendente, cominciando un percorso universitario ad hoc, destinato a proiettarla anche verso il mondo del lavoro. Tutto ciò, però, richiederà, come naturale, del tempo, e un notevole impegno. Anche per questo, è corretto obbligare l’ex marito a versare alla donna un assegno mensile di 300 euro (Cassazione, ordinanza 2164/15).

Nodo gordiano, nella battaglia tra i due coniugi – prossimi al divorzio –, è il ‘capitolo’ relativo ai rapporti economici. Su questo fronte, difatti, i giudici di merito pongono «a carico del marito» l’obbligo di versare un «assegno mensile di 300 euro» alla moglie. E tale decisione provoca le proteste dell’uomo. Ecco spiegato l’approdo della vicenda in Cassazione, approdo, però, che si rivela negativo per l’uomo. Difatti, i giudici del ‘Palazzaccio’ respingono le obiezioni dell’ex marito, confermando l’«assegno mensile di 300 euro».

Decisivo il «notevole divario tra i redditi dei coniugi». E questo quadro non viene scalfito da percorso universitario della donna, perché tale esperienza non mette in discussione la sua «impossibilità di procurarsi mezzi adeguati». Su questo punto, in particolare, i giudici, rispondendo alle contestazioni mosse dall’uomo, ricordano che la donna «non è rimasta inerte». Ella, una volta disintegratosi il contesto familiare, «si è iscritta ad un corso universitario e si trova in Spagna per il progetto ‘Erasmus’», però, evidenziano i giudici, proprio «l’impegno negli studi universitari» – pur destinato a fornire alla donna «maggiori possibilità lavorative» – è «compatibile solo con occupazioni saltuarie e limitate, tali da non permetterle di mantenere il pregresso tenore di vita». Ciò conduce, visti i rapporti di forza attuali, a livello economico, tra i due ex coniugi, a confermare l’«assegno mensile di 300 euro» a favore della donna.

Fonte: www.dirittoegiustizia.it /La Stampa - Addio alla famiglia, lei si dedica agli studi universitari: assegno mensile dall’ex marito

Nessun commento:

Posta un commento

La sanzione accessoria della revoca della patente di guida non ha natura penale

La sanzione inflitta in via accessoria della revoca della patente di guida non ha natura penale. Lo ribadisce con fermezza la Corte di cassa...