sabato 8 febbraio 2014

A Cremona il primo processo via Skype. Con le udienze a distanza durata -50%

Da dieci anni il giudice Pierpaolo Beluzzi è in prima fila per rendere più snella la giustizia presso il tribunale di Cremona. È appena balzato agli onori della cronaca per avere svolto il primo processo via Skype. Dal loro articolo, di cui riportiamo in corsivo alcuno stralci, abbiamo preso lo spunto per farci spiegare dal magistrato come si è arrivati a questa soluzione innovativa.

Va premesso che al tribunale di Cremona già utilizzavano piattaforme analoghe per sentire a distanza in particolare i testimoni, come Adobe connect e Fuzebox, con l'impiego di linea ad alta velocità in fibra ottica. «Questo per evitare dispendiose trasferte delle quali lo Stato rimborsa solo il biglietto ferroviario» spiega il magistrato. Un testimone di Gela in particolare non aveva proprio i mezzi (100 euro) per affrontare la trasferta.

In altri casi può essere spiacevole presentarsi in aula e comunque è un risparmio di tempo sia per i testimoni sia per la durata del processo. In un'occasione anche un avvocato ha approfittato delle tecnologia per collegarsi a distanza e «il ricorso costante alle telepresenza può avere ricadute positive sulla produttività dei difensori» riflette Beluzzi.

Ogni volta che un detenuto del tribunale di Cremona viene sentito a distanza, invece di essere portato in tribunale con l'accompagnamento coattivo, si risparmiano 250 euro.

In tutto dal 2007 si sono svolte 250 udienze con l'adozione di soluzioni tecnologiche per intervenire a distanza. «I tempi dei processi si abbattono del 50%» ha calcolato il giudice. L'idea è destinata a un uso diffuso in particolare tra le sedi di Crema e di Cremona.

Nell'occasione del primo processo via Skype è stata usata questa piattaforma perché sono stati gli imputati stessi a chiederlo. Il tribunale si è attrezzato e quasi tutto è filato liscio. Sui quattro testimoni infatti solo uno ha avuto problemi di collegamento perché aveva un Ipad con connessioni wi-fi. Trovato un pc il problema si è risolto. Il collegamento con ogni testimone è durato in media 15 minuti.

I collegamenti sono stati attivati con testimoni presenti a Cervia, Castelvetro di Modena, Barzanò (Lecco) e Arona, si legge su Cremonaoggi.it che ha dato la notizia. Gli avvocati difensori sono rimsti soddisfatti dell'iniziativa. L'udienza è stata poi aggiornata al prossimo 17 giugno per sentire via web altri testimoni.

fonte: ilsole24ore.com/A Cremona il primo processo via Skype. Con le udienze a distanza durata -50% - Il Sole 24 ORE

Nessun commento:

Posta un commento

Mutuo, detrazione degli interessi in caso di morte del coniuge

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione 129/E, precisa che «il coniuge superstite può usufruire della detrazione per gli interessi passi...