mercoledì 8 gennaio 2014

Dal 1° gennaio 2014 imposta fissa da 168 a 200 euro

Con il 2014 entrano in gioco le nuove regole in tema di imposta di registro, ipotecaria e catastale, contenute nell’art. 10 del D.Lgs. 14 marzo 2011, n. 23, con le modifiche introdotte dal D.L. 12 settembre 2013, n. 104 e quelle specificatamente previste dallo stesso D.L. 104/2013. Quest’ultimo provvedimento, meglio conosciuto come decreto “Istruzione”, conteneva, all’art. 26, ulteriori novità rispetto a quelle “rivoluzionarie” originariamente inserite nel D.Lgs. 23/2011, consistenti nell’introduzione dell’aliquota unica dell’imposta di registro sugli atti traslativi di beni immobili e diritti reali sugli stessi pari al 9%, ridotta al 2% in caso di trasferimento della “prima casa”. Le novità introdotte dal decreto “Istruzione”, con efficacia dall’inizio del 2014, sono sostanzialmente le seguenti: sono esenti da imposta di bollo gli atti di trasferimento di immobili soggetti a imposta di registro al 9% (o al 2% se trattasi di prima casa), ma devono scontare imposta ipotecaria e imposta catastale nella misura fissa di 50 euro; l'importo di ciascuna delle imposte di registro, ipotecaria e catastale solitamente stabilito in misura fissa di euro 168 è portato ad euro 200. Esemplificando, se si acquista un immobile da privato si sosterrà, oltre al registro al 9% o al 2%, un’ulteriore esborso di 100 euro (50 per l’ipotecaria e altrettante per la catastale). Se l’acquisto avverrà da costruttori e sconterà l’IVA, l’imposta di registro, e quelle ipotecaria e catastale passeranno da 168 a 200 euro. Se, sempre esemplificando, volessimo porre a confronto un acquisto di prima casa da privato o da impresa costruttrice che abbia ceduto l’immobile entro 5 anni, avremmo le seguenti differenze:

Acquisto prima casa da privato imposta di registro: 2% (con un importo minimo di 1.000 euro); imposta ipotecaria: 50 euro; imposta catastale: 50 euro.

Acquisto prima casa da società costruttrice IVA: 4%; imposta di registro: 200 euro; imposta ipotecaria: 200 euro; imposta catastale: 200 euro.

Fonte: http://fiscopiu.it/La Stampa - Dal 1° gennaio 2014 imposta fissa da 168 a 200 euro

Nessun commento:

Posta un commento

La sanzione accessoria della revoca della patente di guida non ha natura penale

La sanzione inflitta in via accessoria della revoca della patente di guida non ha natura penale. Lo ribadisce con fermezza la Corte di cassa...