giovedì 5 dicembre 2013

Sì al carcere per la tentata truffa da 30 euro

A causa del fallimento della Commissione bicamerale per le riforme della Costituzione, non è possibile chiudere un occhio su chi commette reati che non producono alcun danno. Lo sottolinea la Corte di cassazione, con la sentenza 48433/2013, confermando la condanna a due mesi e 20 giorni di reclusione, più 130 euro di multa, nei confronti di Giorgio F., dipendente di una azienda municipalizzata dai bilanci milionari che aveva tentato una piccola truffa nei confronti del datore di lavoro che se fosse andata in porto avrebbe procurato "un danno patrimoniale complessivamente inferiore ai 30 euro".

Senza successo, Giorgio F. (34 anni), ha cercato di contestare la condanna inflittagli dalla Corte di Appello di Milano - nel dicembre 2012 - facendo presente "l'insussistenza" del reato che non era nemmeno andato a buon fine. Tanto più in considerazione del fatto che "la mancata truffa, se consumata, avrebbe comportato un danno patrimoniale complessivamente inferiore ai 30 euro", una inezia per la municipalizzata in questione - l'Azienda milanese di servizi ambientali - che ha "un patrimonio netto ammontante a quasi 80 milioni di euro".

Ad avviso dei supremi giudici l'entità "modesta o modestissima" del danno patrimoniale, in questo caso "quantificato al centesimo di euro" dai giudici di Milano, non mette in salvo l'imputato. "Né potrebbe essere diversamente - spiega la Cassazione - poiché il principio stabilito dall'art. 129 del progetto di Costituzione approvato dalla Commissione bicamerale nell'ottobre del 1997, che recitava 'non è punibile chi ha commesso un fatto previsto come reato nel caso in cui esso non abbia determinato una concreta offensività', è stato travolto dal fallimento della bicamerale e non è penetrato nell'ordinamento costituzionale neanche con la riforma dell'art. 111 della Costituzione". Così Giorgio F. è stato condannato anche a pagare duemila euro per le spese processuali.

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

fonte: ilsole24ore.com//Sì al carcere per la tentata truffa da 30 euro

Nessun commento:

Posta un commento

Lavoro domestico, nessun obbligo di comunicare l’infortunio lieve

I datori di lavoro domestici non hanno l’obbligo di comunicare all’INAIL gli infortuni sul lavoro lievi, anche quando si tratta di prestazio...