sabato 25 giugno 2016

Guida con patente sospesa: i chiarimenti del Ministero su procedure e sanzioni

Con circolare del 1° giugno 2016 il Ministero dell'Interno fa chiarezza sul regime sanzionatorio da applicare in caso di circolazione alla guida di veicoli con patente sospesa (Circolare n. 300/A/3953/16/109/55).
Il Ministero ricorda che la sospensione della patente di guida può avere una duplice natura: sanzionatoria o cautelare.
La sospensione di natura sanzionatoria tende a reprimere comportamenti illeciti particolarmente gravi, che impongono l'interdizione alla guida; in genere essa ha natura accessoria rispetto alla sanzione principale prevista per l'illecito (amministrativo o penale).
In questi casi, il regime sanzionatorio per la circolazione con patente sospesa è disciplinato dall'art. 218, comma 6, del Codice della Strada: si applica la sanzione amministrativa da 2.004 a 8.017 euro, oltre alle sanzioni accessorie della revoca della patente e del fermo amministrativo del veicolo per un periodo di tre mesi (in caso di reiterazione delle violazioni, in luogo del fermo amministrativo, è prevista la confisca amministrativa del veicolo).
Il Ministero elenca i casi in cui troverà applicazione il regime sanzionatorio sopra descritto:
sospensione a tempo determinato a seguito dell'accertamento della guida in stato di ebbrezza (art. 186, comma 2, lettere a, b e c);
sospensione a tempo determinato a seguito dell'accertamento della guida in stato di alterazione dovuta all'uso di stupefacenti (art. 187);
sospensione cautelare disposta dal prefetto fino all'esito dell'esame di revisione, in caso di guida in stato di ebbrezza con tasso superiore a 1,5 g/l;
sospensione cautelare disposta dal prefetto fino all'esito dell'esame di revisione, in caso di guida in stato di alterazione dovuta all'uso di stupefacenti.
La sospensione di natura cautelare è invece legata a situazioni di fatto che indicano o lasciano presumere il venir meno dei requisiti psico-fisici o di abilitazione tecnica alla guida. Il regime è disciplinato dall'art. 128, comma 2:
se nei casi prescritti il titolare di patente di guida non si sottopone, nei termini indicati, agli accertamenti psico-fisici o di idoneità alla guida, dal giorno successivo alla scadenza è sempre disposta la sospensione della patente di guida fino al superamento degli accertamenti con esito favorevole; la patente è sospesa senza necessità di un ulteriore provvedimento da parte degli uffici provinciali o del prefetto;
la circolazione durante il periodo di sospensione della patente comporta la sanzione pecuniaria da 164 a 663 euro e la sanzione accessoria della revoca della patente di guida.
Per ragioni di coerenza sistematica la procedura e il regime sanzionatorio sopra indicato si applicheranno in tutte le ipotesi di sospensione cautelare finché il titolare non dimostri di aver recuperato l'idoneità psico-fisica o tecnica; vale a dire:
sospensione disposta in caso di mancata sottoposizione a visita medica ordinata dal prefetto a seguito di rifiuto di sottoporsi agli accertamenti qualitativi dello stato di ebbrezza (art. 186, comma 7, terzo periodo);
sospensione disposta in caso di mancata sottoposizione a visita medica ordinata dal prefetto a seguito di guida in stato di ebbrezza con tasso compreso tra 0,51 e 1,5 g/l (art. 186, comma 8);
sospensione disposta in caso di mancata sottoposizione a visita medica ordinata dal prefetto a seguito di rifiuto di sottoporsi agli accertamenti qualitativi dello stato di alterazione dovuto all'uso di stupefacenti (art. 187, comma 8, terzo periodo);
sospensione disposta in caso di mancata sottoposizione agli esami di idoentà tecnica per perdita totale dei punti della patente (art. 126-bis, comma 6);
ogni provvedimento di revisione dall'ufficio provinciale della MCTC diretto ad accertare la permanenza dell'idoneità tecnica.

Fonte: www.altalex.com//Guida con patente sospesa: i chiarimenti del Ministero su procedure e sanzioni | Altalex

Nessun commento:

Posta un commento

Multa stradale? Il postino non suona più, arriverà la Pec

Tempi moderni anche per le multe stradali che non verranno più recapitate dal postino bensì tramite pec. Ma il postino non andrà in pensione...