domenica 2 febbraio 2014

Notifiche, l’avviso di ricevimento del servizio postale privato non prova la consegna

Le notifiche fatte attraverso il servizio postale godono delle fede privilegiata accordata a quelle effettuate tramite ufficiale giudiziario. Mentre le notifiche avvenute per mezzo di servizi postali privati non godono di alcuna presunzione e dunque non sono idonee a determinare i termini per le impugnazioni. Lo ha chiarito la Corte di cassazione, con la sentenza 2035/2014, rigettando il ricorso di un curatore fallimentare che chiedeva il riconoscimento della tardività dell’opposizione di Equitalia, informata del deposito dello stato passivo tramite un servizio privato

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento:

Posta un commento

Cassette di sicurezza violate, la banca deve risarcire quanto denunciato dal cliente

Nel contenzioso per il risarcimento da furto nella cassetta di sicurezza il giudice può basarsi anche solo sul giuramento estimatorio del cl...