domenica 2 febbraio 2014

Notifiche, l’avviso di ricevimento del servizio postale privato non prova la consegna

Le notifiche fatte attraverso il servizio postale godono delle fede privilegiata accordata a quelle effettuate tramite ufficiale giudiziario. Mentre le notifiche avvenute per mezzo di servizi postali privati non godono di alcuna presunzione e dunque non sono idonee a determinare i termini per le impugnazioni. Lo ha chiarito la Corte di cassazione, con la sentenza 2035/2014, rigettando il ricorso di un curatore fallimentare che chiedeva il riconoscimento della tardività dell’opposizione di Equitalia, informata del deposito dello stato passivo tramite un servizio privato

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento:

Posta un commento

Cassazione: nell’assistenza a un disabile sono validi i congedi anche solo per la notte

La legge sui congedi retribuiti per assistere un familiare con grave disabilità non prevede orari per l’assistenza, basta essere presenti an...