mercoledì 22 giugno 2016

Cade a causa della pensilina: risarcita dalla società che doveva provvedere alla manutenzione

Brutto capitombolo per una donna, inciampata sullo ‘scheletro’ della struttura destinata ai passeggeri in attesa dell’autobus. A risarcirla, versandole quasi 10 mila euro, però non sarà il Comune, bensì la società a cui è affidata la gestione del cosiddetto ‘arredo urbano pubblicitario’, ‘pensiline’ incluse. A deciderlo è stata la Cassazione con la sentenza n. 12745 di ieri.

‘Scheletro’. Ricostruito facilmente l’episodio. La donna, cittadina di un Comune veneto, «mentre camminava sul marciapiede», è inciampata «sullo ‘scheletro’ della pensilina, in particolare sulla barra destinata all’alloggiamento dei pannelli laterali, posta a circa 10 centimetri dal piano di calpestio». Inevitabile la caduta, con conseguenti serie «lesioni personali».

Gli elementi probatori a disposizione consentono ai giudici del Tribunale di escludere un coinvolgimento del Comune. Nessun dubbio, invece, sulla responsabilità della società a cui sono attribuite «proprietà e manutenzione della pensilina», e che, quindi, viene condannata a risarcire la donna con una somma prossima ai 20 mila euro.

Cifra dimezzata, però, in Appello. Per i giudici, difatti, non va trascurato il «concorso di colpa» attribuibile alla donna, dimostratasi quantomeno disattenta.

Colpa. E ora, nonostante le obiezioni proposte dal legale della persona danneggiata, viene confermato in Cassazione il risarcimento stabilito in secondo grado, cioè poco meno di 10 mila euro.

Evidente per i magistrati, difatti, la «corresponsabilità» della donna, che «usando la normale diligenza, avrebbe potuto accorgersi dell’ostacolo». Su questo fronte è decisiva la constatazione che «il marciapiede è molto ampio» e, quindi, la cittadina avrebbe potuto «transitare senza passare sotto la pensilina».

Da un altro punto di vista, quello della società sanzionata, i giudici tengono a ribadire il peso specifico del «cattivo stato della pensilina»: esso è riconducibile proprio all’operato dell’azienda che, come detto, era proprietaria della struttura e aveva l’obbligo di provvedere alla «manutenzione».

Fonte: www.dirittoegiusitzia.it/Cade a causa della pensilina: risarcita dalla società che doveva provvedere alla manutenzione - La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Multa stradale? Il postino non suona più, arriverà la Pec

Tempi moderni anche per le multe stradali che non verranno più recapitate dal postino bensì tramite pec. Ma il postino non andrà in pensione...