lunedì 9 gennaio 2017

Ex moglie additata come “mantenuta”: marito condannato al risarcimento

Multa di 1.000€ per l’uomo, che dovrà anche versare un risarcimento di 5.000€ alla donna. Sanzionato l’utilizzo del termine “mantenuta” nella causale dei vaglia con cui mensilmente versa il mantenimento all’ex moglie.
Definire “mantenuta” una persona, donna o uomo che sia, è reato. Il ricorso a quella parola, difatti, ha un evidente carattere dispregiativo. Esemplare, in questa ottica, la condanna nei confronti di un uomo che ha offeso l’ex moglie, indicandola come “mantenuta” nella causale dei vaglia postali con cui mensilmente le versa il mantenimento deciso in Tribunale (Corte di Cassazione sentenza n. 522 del 5 gennaio).
Causale. L’uomo è finito sotto accusa per diffamazione. L’ex moglie, difatti, si è lamentata, e non poco, per quel dettaglio sgradevole presente sui vaglia da lei ricevuti, cioè la causale in cui veniva identificata come “mantenuta”. E per i giudici la rabbia della donna è assolutamente comprensibile. Così, prima il Giudice di Pace e poi il Tribunale hanno ritenuto l’uomo colpevole, condannandolo a 1.000€ di multa e obbligandolo a versare all’ex moglie 5.000€ come risarcimento del danno.
Epiteto. E la linea di pensiero delineata in secondo grado viene condivisa anche dalla Cassazione. Inutili le obiezioni difensive proposte dall’avvocato dell’uomo e finalizzate, in sostanza, a minimizzare la condotta finita sotto accusa. Su questo fronte, in particolare, viene evidenziato che l’ex marito ha effettuato la spedizione di un plico sigillato, escludendo così la possibilità che il testo del telegramma potesse essere letto da persone – un operatore postale, ad esempio – diverse dalla destinataria.
Per i magistrati del ‘Palazzaccio’, invece, si presume «la sussistenza del requisito della comunicazione con più persone qualora l’espressione offensiva sia inserita in un documento», come un vaglia, destinato per sua natura ad essere visionato da più persone.
Non è in discussione, infine, neanche la gravità dell’epiteto. Evidente che il termine “mantenuta” risulta offensivo della reputazione della donna, additata come «percettrice di reddito in assenza di qualsivoglia prestazione lavorativa».

Fonte: www.dirittoegiustizia.it/Ex moglie additata come “mantenuta”: marito condannato al risarcimento - La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Rimosso il barbecue troppo vicino a un’abitazione per la potenzialità nociva o molesta

Il rispetto della distanza prevista dall'articolo 890 Cc, nella cui regolamentazione rientrano anche i forni è collegato a una presunzio...