sabato 3 dicembre 2016

Soffia il fidanzatino alla figlia di 14 anni: colpevole di violenza sessuale

Otto anni fa, una madre del Tortonese aveva trentasei anni: troppi per concedersi a rapporti sessuali con un ragazzo che di anni ne aveva la metà. Era, tra l’altro, il «fidanzatino» della figlia di lei, adolescente, non ancora quattordicenne. La mamma si sostituì alla figlia tra le lenzuola.
Ora la donna quarantaquattrenne, che pure ha sempre negato le accuse contestate dal pm Silvia Saracino, è stata condannata dal tribunale di Alessandria, presieduto da Aldo Tirone a tre anni e quattro mesi di reclusione. Il pubblico ministero aveva chiesto due mesi in più.
La vicenda
Bisogna tornare indietro al 2008. La donna viveva con la figlia non ancora quattordicenne. Un giorno, la trovò in intimità con il fidanzatino. Era poco più che una bambina che provava a fare la donna bruciando le tappe. Tentò di spiegarglielo la mamma? Le parlò come madre oppure come coetanea? Stando al capo di imputazione, si comportò da coetanea, anzi come l’amica più grande ed esperta che ti soffia il fidanzato.
Le accuse
E la donna finì sotto processo per violenza sessuale nei confronti del ragazzo. Di questa accusa è stata riconosciuta colpevole: aver insistito più volte - secondo la ricostruzione fatta dalla procura della Repubblica almeno in tre occasioni - per incontrare il giovane, addirittura dicendogli che, se non avesse accettato gli inviti, lei gli avrebbe impedito di vedere la figlia. Un garbuglio complicato e innaturale.
Ragazzo già prosciolto
Quando la vicenda finì sotto gli occhi degli investigatori, anche il ragazzo fu indagato, dalla procura dei minori di Torino, con l’accusa di aver avuto rapporti sessuali con la ragazzina non ancora quattordicenne. Fu, però, prosciolto perché venne accertata e provata l’incapacità a comprendere la gravità dei propri gesti.
Situazione di sudditanza
Invece non ne era incapace la madre della ragazza, una donna di trentasei anni che avrebbe cercato il giovane con insistenza, e lui si sarebbe trovato in una situazione di sudditanza cui non sarebbe stato in grado di ribellarsi.
Primo grado
Adesso è arrivato il verdetto di primo grado del tribunale di Alessandria che, oltre alla condanna a tre anni e quattro mesi di reclusione, ha anche ordinato per la donna l’interdizione legale per tutta la durata della pena e l’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni, con ripercussioni particolarmente significative nel caso di un’occupazione in un ente pubblico.
Ovviamente, sono ancora possibili due gradi di giudizio, in Appello e in Cassazione.

Fonte: www.lastampa.it/Soffia il fidanzatino alla figlia di 14 anni: colpevole di violenza sessuale - La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Reati stradali: Procura di Torino fissa le tariffe per il patteggiamento

La Procura di Torino ha pubblicato on line una tabella composta da ben 72 voci, che consente la definizione con patteggiamento o decreto pen...