martedì 2 agosto 2016

Si sente vessato dal carabiniere: lo filma e gli promette una denuncia. Condotta non punibile

Armato di telefono cellulare. Obiettivo puntato sul carabiniere, in procinto di redigere un “verbale”. Esplicita l’intenzione dell’uomo: filmare il militare – all’interno della caserma, per giunta – e poi utilizzare il video a corredo di una denuncia.
Condotta sicuramente poco ortodossa, ma non catalogabile per la Corte di Cassazione come “minaccia a pubblico ufficiale”.
Telefonino. A dare il ‘la’ alla vicenda un controllo in strada effettuato dai Carabinieri, anzi, più precisamente, la «contravvenzione» nei confronti del «conducente di un’autovettura». Pochi giorni dopo il «proprietario del veicolo» si presenta «in caserma», munito di «carta di circolazione», per chiarire la propria posizione.
Di fronte alla irregolarità – «mancata revisione» dell’automobile – contestatagli dal militare, però, l’uomo reagisce in maniera scomposta: prende il telefono e intima al carabiniere «di stare attento, perché lo stava filmando» e di «non fargli il verbale», preannunciandogli poi una «denuncia».
Per i giudici d’Appello, contrariamente a quanto stabilito in Tribunale, l’uomo è responsabile di «minaccia a pubblico ufficiale». Conseguente la condanna a «2 mesi e 20 giorni di reclusione».
Minaccia. Di avviso completamente opposto, invece, i magistrati della Cassazione, ovviamente per la gioia dell’uomo finito sotto accusa (sentenza n. 27955 depositata il 6 luglio).
Per i giudici è fondamentale valutare il contenuto dello scontro col militare, frutto della presunta illegittimità della «sanzione amministrativa» applicata al proprietario dell’automobile. Ciò consente di stabilire, secondo i giudici, che «la minaccia di riprendere con il telefono quanto stava accadendo e di sporgere denuncia» non è idonea a «coartare il pubblico ufficiale». Manca, difatti, la «potenzialità costrittiva» in «una minaccia generica, reattiva e dettata dalla percezione di sentirsi vessato dai militari».
Cadono, quindi, definitivamente le accuse nei confronti dell’uomo.

Fonte: www.dirittoegiustizia.it/Si sente vessato dal carabiniere: lo filma e gli promette una denuncia. Condotta non punibile - La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Minori, affido esclusivo al padre se la madre è inadeguata

È legittimo affidare un minore in via esclusiva al padre quando c’è una consulenza tecnica d’ufficio (Ctu) che riscontra «i segni di una Pas...