giovedì 9 giugno 2016

Convivenze di fatto, per il Ministero l'iscrizione ha valore costitutivo

La circolare n. 7/2016 del Ministero dell'Interno in merito alla legge 76/2016 – “Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze” - è resa necessaria dai nuovi adempimenti rimessi agli Uffici anagrafici ossia: l'iscrizione delle convivenze di fatto, la registrazione dell'eventuale contratto di convivenza, il rilascio di relative certificazioni.

La circolare, che ha ad oggetto i commi 36-65 dell'unico articolo della legge, chiarisce che l'iscrizione delle convivenze di fatto dovrà essere eseguita secondo le procedure già previste e disciplinate dall'ordinamento anagrafico e, in particolare, dagli articoli 4 e 13 Dpr n. 223 del 1989. Chiarisce anche il legame tra iscrizione anagrafica e registrazione del contratto (eventuale) di convivenza. Di fatto, l'opzione ministeriale sembra essere quella della iscrizione anagrafica come elemento costitutivo della convivenza di fatto, seppur ai fini della legge n. 76 del 2016.

Fonte: www.ilsole24ore.com//Convivenze di fatto, per il Ministero l'iscrizione ha valore costitutivo

Nessun commento:

Posta un commento

Minori, affido esclusivo al padre se la madre è inadeguata

È legittimo affidare un minore in via esclusiva al padre quando c’è una consulenza tecnica d’ufficio (Ctu) che riscontra «i segni di una Pas...