mercoledì 11 maggio 2016

Formalmente infermiera, ma assegnata ad attività di pulizia: lei si rifiuta e perde il lavoro

Respinta l’ipotesi avanzata dalla donna: impossibile parlare di demansionamento perché, pur essendo inquadrata come infermiera, già svolgeva attività di pulizia, con inserimento nei relativi turni di servizio. Illogico, quindi, il suo ‘no’ all’ordine dato dall’azienda, che può legittimamente licenziarla. Così ha deciso la Cassazione con la sentenza n. 9060 del 5 maggio scorso.
Compiti. Contesto della vicenda è una ‘casa di cura’. Reazione durissima, da parte della società che gestisce la struttura, al «rifiuto» della lavoratrice all’attribuzione di «mansioni di pulizia delle scale e dei reparti». La donna, inquadrata come «infermiera generica», viene licenziata proprio a causa del suo ‘no’ alla richiesta della società.
La condotta della donna è priva di senso anche secondo i giudici di primo e secondo grado, i quali respingono l’ipotesi del «demansionamento». Ciò perché la donna, pur avendo ricevuto la «qualifica di infermiera», non aveva svolto quei particolari compiti, bensì era stata impegnata in una «attività esecutiva di natura tecnico-manuale», comprendente anche «mansioni di pulizia».
A sostegno di questa visione, poi, anche i racconti di alcuni testimoni, i quali hanno spiegato di aver visto la donna «provvedere, nel settore cui era stata assegnata» a compiti di «pulizia delle attrezzature, degli strumenti e degli ambienti».
Rifiuto. E la visione tracciata tra Tribunale e Corte d’appello viene condivisa ora dalla Cassazione. Definitivo, di conseguenza, il «licenziamento» della lavoratrice.
Nonostante le osservazioni proposte dal legale della donna, anche per i Magistrati di Cassazione le «mansioni» richieste dalla ‘casa di cura’ non rappresentavano una lesione «così grave e irreparabile alla professionalità della lavoratrice» tale da giustificare il «suo rifiuto».
Sia chiaro, la donna aveva tutto il diritto di «impugnare l’ordine di servizio», ma non poteva rifiutare di sana pianta l’incarico di «svolgere mansioni di pulizia», anche perché, evidenziano i Giudici, ella «già svolgeva un’attività simile, essendo stata inclusa nei relativi turni di servizio».
Tutto ciò conduce a ritenere legittima, e non discutibile, la scelta dell’azienda di cacciare la dipendente.

Fonte: www.dirittoegiustizia.it/Formalmente infermiera, ma assegnata ad attività di pulizia: lei si rifiuta e perde il lavoro - La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Reati stradali: Procura di Torino fissa le tariffe per il patteggiamento

La Procura di Torino ha pubblicato on line una tabella composta da ben 72 voci, che consente la definizione con patteggiamento o decreto pen...