sabato 28 maggio 2016

Bilanci, le valutazioni ingannevoli restano reato

I fatti, per trovare allocazione in bilancio, devono essere “raccontati” in unità monetarie e dunque valutati. Ne deriva che rilevanti  falsità nelle valutazioni, idonee ad ingannare i destinatari del bilancio e a determinare scelte potenzialmente pregiudizievoli per gli stessi, configurano situazioni rilevanti ai fini dei novellati artt. 2621, 2621-bis e 2622 del codice civile. Spetta al giudice valutare la potenzialità decettiva della irregolare informazione contenuta nel bilancio. Qualora si accettasse la tesi della non punibilità del falso valutativo si sarebbe in pratica al cospetto di una interpretatio abrogans del delitto di false comunicazioni sociali  e sostanzialmente l’intero corpus normativo: <<Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio> finirebbe per presentare una significativa falla nella sua trama costitutiva. È quanto si legge nelle attesissime motivazioni  espresse dalle Sezioni Unite della Cassazione, con sentenza n. 22474 (Presidente Canzio, relatore Fumo), di ieri, 27 maggio, in merito alla rilevanza del falso valutativo nei reati di false comunicazioni sociali così come novellati dalla legge n. 69/2015. La massima provvisoria della sentenza era peraltro stata anticipata dalla Suprema Corte con l’Informazione provvisoria del 31 marzo 2016.

Fonte: www.italiaoggi.it//Bilanci, le valutazioni ingannevoli restano reato - News - Italiaoggi

Nessun commento:

Posta un commento

Sgombero immobili abusivamente occupati: responsabile dell’inerzia è il Ministero

Occupazione abusiva di uno stabile: il Tribunale di Roma condanna il Ministero dell’Interno al risarcimento dei danni, nella misura di € 266...