venerdì 18 marzo 2016

Dà del “mongolo” allo zio: condannato per un ‘sms’

“Mongolo” e “ladro”. Così, tramite messaggio, il nipote apostrofa lo zio. Logica, e non discutibile, la condanna per il reato di ingiuria: è evidente la carica offensiva delle parole utilizzate dall’uomo nei confronti del familiare. Così ha stabilito la Corte di Cassazione, con la sentenza n. 11416/16, del 17 marzo scorso.
Volgarità. La linea difensiva utilizzata dal nipote davanti alla Cassazione è stata finalizzata a sminuire il valore negativo dei termini adoperati nei confronti dello zio.
Riferimento decisivo, secondo il legale, è l’«evoluzione dei costumi sociali».
Ma tale visione modernista viene respinta in modo netto dai Giudici di Cassazione. Ciò perché pare lapalissiana, secondo i Magistrati, la «carica offensiva del messaggio» inviato dall’uomo al telefonino dello zio.
Non discutibile il «carattere oggettivamente ingiurioso» delle parole utilizzate, cioè “mongolo di m...a” e “ladro”: ci si trova di fronte, spiegano i Giudici, a «gratuiti e volgari insulti», assolutamente inaccettabili a prescindere dal contesto.
Tutto ciò conduce alla conferma della condanna per il nipote.

Fonte: www.dirittoegiustizia.it/Dà del “mongolo” allo zio: condannato per un ‘sms’ - La Stampa

1 commento:

  1. Si ricorda che, a seguito della depenalizzazione in vigore dal 6 febbraio 2016, l'ingiuria non è più reato, ma solo un illecito civile. EM

    RispondiElimina

Sgombero immobili abusivamente occupati: responsabile dell’inerzia è il Ministero

Occupazione abusiva di uno stabile: il Tribunale di Roma condanna il Ministero dell’Interno al risarcimento dei danni, nella misura di € 266...