domenica 6 dicembre 2015

Tra moglie e marito…Il vademecum della Cassazione sulla separazione tra coniugi

Con una pronuncia (24473/15), il Supremo Collegio è tornato ad occuparsi di separazione personale e particolarmente di addebito, assegno di mantenimento alla prole e assegnazione della casa coniugale.

Il caso

Nell’ambito di un procedimento di separazione personale, la Corte d’appello territoriale, riformando parzialmente la pronuncia di primo grado, revocava la dichiarazione di addebito ad entrambi i coniugi e disponeva un assegno per la moglie, confermando l’assegnazione della casa coniugale a quest’ultima – affidataria e convivente con i figli – e il contributo al mantenimento dei figli. Avverso tale pronuncia, ricorre per cassazione il marito; resiste la moglie con controricorso.

Né moglie, né marito hanno adeguatamente illustrato l’intollerabilità della convivenza. Con riferimento all’addebito alla moglie, gli Ermellini hanno chiarito che le doglianze del ricorrente, che sottolineano una sostanziale difformità dall’apprezzamento dei fatti e delle prove condotto dal giudice a quo rispetto a quello preteso dallo stesso ricorrente, non indicano il nesso di causalità che avrebbe comportato l’intollerabilità della convivenza.

Quanto all’addebito al marito, poi, i Giudici di Piazza Cavour ritengono pacifica l’esistenza dello schiaffo alla moglie, ma, pur riconoscendo il carattere riprovevole del comportamento dell’uomo - che, certamente, costituisce «violazione degli obblighi matrimoniali» -, anche in tal caso non rinvengono indicazioni specifiche sul rapporto tra tale comportamento e l’intollerabilità della convivenza.

Quanto al mantenimento delle figlie di primo letto, secondo il Palazzaccio la Corte ne ha tenuto implicitamente conto, valutando che tale profilo non era idoneo ad incidere sul tenore di vita pregresso della famiglia, nonché sulla notevole disparità economica tra le parti.

Quanto alla casa coniugale, avendo lo stesso ricorrente riconosciuto che essa era finalizzata alla tutela della prole e dell’interesse di quest’ultima a permanere nell’ambiente domestico, secondo il Supremo Collego è corretta la valutazione del giudice a quo, che ne ha tenuto conto nel rigettare la domanda della madre di porre a carico del marito le spese di manutenzione dell’immobile adibito ad abitazione familiare, suggerendo al riguardo un accordo tra i coniugi. Per tutti questi motivi, la Corte ha rigettato il ricorso.

Fonte: www.dirittoegiustizia.it /Tra moglie e marito… Il vademecum della Cassazione sulla separazione tra coniugi - La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Sgombero immobili abusivamente occupati: responsabile dell’inerzia è il Ministero

Occupazione abusiva di uno stabile: il Tribunale di Roma condanna il Ministero dell’Interno al risarcimento dei danni, nella misura di € 266...