domenica 18 ottobre 2015

Sicurezza, dal parabrezza sparisceil tagliando dell’assicurazione

Dal 18 ottobre non sarà più obbligatorio esporlo. I controlli avverranno telematicamente per combattere le contraffazioni e i «pirati della strada».

«Favorisca patente, libretto e mi faccia vedere il tagliando dell’assicurazione». È stata per decenni la richiesta che le forze di polizia italiane hanno intimato agli automobilisti dopo averli fermati. Infatti non bastava pagare il premio assicurativo ma bisognava anche dimostrarlo. Dal 18 ottobre, invece, non occorrerà più esporlo sul parabrezza. Il controllo della copertura, infatti, avverrà per via telematica. Inserendo il numero della targa, gli agenti sapranno in pochi secondi non solo se i mezzi sono rubati o hanno la revisione scaduta, come accade oggi, ma conosceranno anche la situazione assicurativa. In linea teorica potrebbe segnare anche una svolta perché in Italia la compravendita di contrassegni falsi o scaduti ha raggiunto numeri impressionanti.

Gli evasori

Secondo le stime dell’Associazione nazionale fra le Imprese assicuratrici (Ania), nel 2014, circa 3,9 milioni di veicoli (l’8,7 per cento del totale) viaggiava senza assicurazione. Per contrastare questa piaga, dal 18 ottobre, i sistemi che leggono le targhe come autovelox, tutor, telepass e varchi Ztl potranno controllare anche la regolarità della copertura assicurativa e segnalare anomalie. È questo l’effetto finale di un lungo procedimento che è iniziato con un decreto ministeriale (9 agosto 2013, n. 110) che ha stabilito la progressiva «dematerializzazione dei contrassegni di assicurazione dei veicoli a motore su strada, attraverso la sostituzione degli stessi con sistemi elettronici o telematici».

I controlli

Facile a dirsi e un po’ meno a realizzarsi visto che si è dovuto studiare un sistema in grado di far dialogare e aggiornare in tempo reale diverse banche dati in modo tempestivo e sicuro. Dopo una lunga (e rassicurante) fase di sperimentazione adesso è arrivato il via libera. In pratica, ora, ogni volta che verrà stipulata una nuova polizza o verrà effettuato un rinnovo, la compagnia di assicurazione dovrà inviare le informazioni alla banca dati delle coperture assicurative creata dall’Ania, chiamata Sita. Dal sistema Sita, le informazioni confluiranno nel database della Motorizzazione civile che contiene i dati sui veicoli immatricolati. L’incrocio delle informazioni contenute nelle due banche dati consentirà alle Forze dell’ordine di sapere in pochi secondi chi è regolarmente assicurato e chi no. Gli automobilisti per qualche tempo ancora riceveranno il vecchio tagliandino cartaceo ma non dovranno più esporlo sul parabrezza. In pratica, avrà soltanto finalità informative in caso di incidente stradale o nei Paesi dell’Ue. Terminata questa fase «sperimentale», il cartaceo non verrà più consegnato. Ai «furbetti» ora resteranno davvero poche chance di evitare una multa salata che va da 841 a 3.366 euro senza considerare l’immediato sequestro del mezzo.

Fonte: www.corriere.it//Sicurezza, dal parabrezza sparisceil tagliando dell’assicurazione - Corriere.it

Nessun commento:

Posta un commento

Vaccini, bimbi esonerati solo con il certificato

È stato pubblicato il vademecum per le famiglie, le Asl e le scuole della nuova legge sui vaccini obbligatori. Le regole sono quelle del dec...