lunedì 21 settembre 2015

“Troppo lavoro”: giustificate le dimissioni del dipendente. E l’azienda paga

“Ritmi di lavoro insostenibili”: così il dipendente ha motivato le proprie dimissioni. Pare una scelta folle, almeno in apparenza, ma si è rivelata assolutamente logica. Non a caso, il lavoratore passa all’incasso dalla propria vecchia azienda, ricevendo una corposa somma per differenze retributive, TFR e, soprattutto, indennità sostitutiva del preavviso (Cassazione, sentenza 18429/15).

Il caso

Il lavoratore vede condannare la sua azienda in primo e in secondo grado. Tale visione è condivisa, ora, anche dalla Cassazione, che ritiene legittime le pretese avanzate dall’uomo, poggiate, tra l’altro, su «periodo di attività, orario di lavoro, inquadramento». Il punto centrale è l’impegno richiesto dall’azienda al dipendente, impegno che l’uomo ha sempre definito «gravoso», tanto da «spingerlo a dimettersi». Anche su questo fronte i Giudici del Palazzaccio, valutano come corretta la visione tracciata in tribunale prima e in appello poi.

Le dimissioni erano state rassegnate perché l'uomo era «ormai esasperato dai ritmi lavorativi insostenibili cui la società lo sottoponeva e per i quali aveva contratto una patologia» – «sindrome ansiosa da stress per iperattività lavorativa» – certificata dal Servizio di medicina legale e fiscale. Di conseguenza, la conferma della decisione emessa in appello: azienda obbligata, quindi, a soddisfare le pretese economiche dell’ex dipendente.

Fonte: www.dirittoegiustizia.it /Troppo lavoro”: giustificate le dimissioni del dipendente. E l’azienda paga - La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

La sanzione accessoria della revoca della patente di guida non ha natura penale

La sanzione inflitta in via accessoria della revoca della patente di guida non ha natura penale. Lo ribadisce con fermezza la Corte di cassa...