lunedì 17 agosto 2015

L'estratto conto batte il fisco: valido come prova contro la rettifica del reddito

Può il proprio estratto conto bancario essere prova valida contro la rettifica del reddito operata dal fisco? La Cassazione risponde di sì.

La vicenda in breve

Un contribuente aveva impugnato la cartella con la quale, a fini IRPEF, erano stati rettificati in aumento i redditi relativi a due anni. La CTP aveva tuttavia rigettato il ricorso, adducendo come motivazione il fatto che i resoconti bancari, portati come prova dal contribuente, non erano sufficienti a dimostrare che il maggior reddito fosse in tutto o in parte esente o soggetto a ritenuta alla fonte a titolo di imposta; diversamente aveva giudicato la CTR, che aveva ritenuto le prove del contribuente valide.

La Cassazione ha chiarito i limiti della prova contraria a carico del contribuente a fronte di un accertamento induttivo sintetico. Si legge nell’ordinanza del 16 luglio 2015, n. 14885 che il contribuente può dimostrare che il maggior reddito determinato è costituito da redditi esenti o redditi soggetti a ritenute alla fonte a titolo di imposta; e tuttavia, "l’entità di tali redditi e la durata del loro possesso devono risultare da idonea documentazione”.

Chiariscono i giudici che la norma chiede “qualcosa di più della mera prova della disponibilità di ulteriori redditi e, pur non prevedendo esplicitamente la prova che detti ulteriori redditi sono stati utilizzati per coprire le spese contestate, chiede espressamente una prova documentale su circostanze sintomatiche del fatto che ciò sia accaduto (o sarebbe potuto accadere)”. Per i giudici, la prova valida può essere, semplicemente, l’esibizione degli estratti conti bancari facenti capo al contribuente, idonei a dimostrare la durata del possesso dei redditi in esame, e non il loro semplice “transito” nelle disponibilità del contribuente. Pertanto, bene avevano giudicato i giudici regionali: il ricorso delle Entrate è stato rigettato.

Fonte: Fiscopiù - Giuffrè- www.fiscopiu.it/L'estratto conto batte il fisco: valido come prova contro la rettifica del reddito - La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Sgombero immobili abusivamente occupati: responsabile dell’inerzia è il Ministero

Occupazione abusiva di uno stabile: il Tribunale di Roma condanna il Ministero dell’Interno al risarcimento dei danni, nella misura di € 266...