lunedì 17 agosto 2015

#Cassazione: le assenze per malattia non giustificano il licenziamento

Assentarsi per malattia - 52 giorni nel corso di quattro anni - non è un motivo sufficiente per giustificare un licenziamento per scarso rendimento. Battendo su questo principio, la Cassazione ha riaperto la battaglia legate tra un conducente dell’Atm di Milano e l’azienda dei trasporti. La Corte d’appello riunita in diversa composizione, rimanendo nei binari tracciati dai supremi giudici, dovrà tornare a esaminare il ricorso del dipendente privato del posto di lavoro a causa dei turni saltati per ragioni di salute. In primo grado il tribunale milanese aveva dato torto all’autista, e ragione ad Atm, ritenendo che le assenze per malattia erano dimostrative dello scarso rendimento in servizio, contestazione alla base di un licenziamento ritenuto corretto.

Ora la questione andrà rivista, mettendo in discussione la decisione del datore di lavoro. “L’ipotesi dello scarso rendimento è diversa e separata da quella delle ripetute assenze per malattia”, sottolineano gli ermellini, “inoltre, mentre lo scarso rendimento è caratterizzato da colpa del lavoratore, non altrettanto può dirsi per le assenze dovute a malattia. E poiché è stato intimato per scarso rendimento dovuto essenzialmente all’elevato numero di assenze - ma non tali da esaurire il periodo massimo previsto - il recesso in oggetto si rivela ingiustificato”.

(Fonte: La Presse/www.lastampa.it//Cassazione: le assenze per malattia non giustificano il licenziamento - La Stampa)

Nessun commento:

Posta un commento

Lavoro domestico, nessun obbligo di comunicare l’infortunio lieve

I datori di lavoro domestici non hanno l’obbligo di comunicare all’INAIL gli infortuni sul lavoro lievi, anche quando si tratta di prestazio...