mercoledì 26 agosto 2015

Attenzione alle false mail apparentemente inviate dall’Agenzia delle Entrate

In pochi giorni sono aumentati i tentativi di truffe informatiche (cd. “phishing”) attuate con lo scopo di ottenere illecitamente i dati personali di società e cittadini, compreso il numero della carta di credito. L’Agenzia delle Entrate ieri è, infatti, tornata a dare l’allarme (tramite un comunicato stampa) delle false mail che stanno circolando nel web, particolarmente pericolose perché ingannevoli nel riconoscere il mittente e perché richiedono di fornire dati sensibili.

L’ultimo tentativo di phishing messo in atto in queste ore riguarda le email con oggetto “Verifica Tributaria” e in allegato un file eseguibile (.exe) da compilare. Provengono da un indirizzo pec contraffatto e ingannevole, che potrebbe indurre molti in errore, ovvero agenzia.entrate@pec.it. Anche in questo caso le Entrate hanno preso le distanze dalle false mail, disconoscendone la provenienza, e soprattutto, invitando i contribuenti destinatari ad “eliminarle senza aprire l’allegato che può compromettere la sicurezza del proprio computer”.

Già nei giorni scorsi, sia l’Agenzia che Equitalia, erano dovute intervenire per allertare i contribuenti da altri tentativi di phishing: il 13 agosto, le Entrate hanno denunciato la circolazione di false comunicazioni relative a rimborsi fiscali, inviate via mail, apparentemente provenienti dall’indirizzo “Agenzia delle Entrate” e dall’oggetto “Rimborso fiscale per 2014 -2015”; mentre pochi giorni prima (il 12 agosto), Equitalia sconsigliava vivamente di aprire le mail su presunti avvisi di pagamento con mittente “equitalia@sanzioni.it”, “servizio_clienti@poste.it”, “noreply-equit@eq.it”, “reply-equi@riscossioni1.it” o simili.

Fonte: www.fiscopiu.it/Attenzione alle false mail apparentemente inviate dall’Agenzia delle Entrate - La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

La sanzione accessoria della revoca della patente di guida non ha natura penale

La sanzione inflitta in via accessoria della revoca della patente di guida non ha natura penale. Lo ribadisce con fermezza la Corte di cassa...