mercoledì 15 luglio 2015

Svela alla moglie dell'ex amante la relazione extraconiugale: condannata per molestie telefoniche

Solidarietà – tardiva – tra donne. O, forse, desiderio di vendetta. Ciò che conta è che la donna prende il telefono e chiama la moglie dell’uomo, che è suo collega di lavoro ed è stato suo amante per diverso tempo. Ora, una volta rotta la liaison, tutti i particolari vengano a galla, seppur solo parlando a distanza, e la donna prende contezza delle – presunte – relazioni extraconiugali intrattenute dal marito. Quelle telefonate – tre in tutto –, però, si rivelano fatali per l’ex amante. Che viene condannata per il reato di “molestie” (Cassazione, sentenza 28493/15).

I giudici del Tribunale non hanno dubbi: la donna, che ha effettuato «tre chiamate telefoniche» – «due in forma anonima» – per parlare con la moglie di quello che è stato il suo amante e per raccontarle la ‘passione’ del marito per le «relazioni extraconiugali», è responsabile di «disturbo e molestie». Consequenziale la condanna alla «pena di 400 euro di ammenda».

Pronta la replica della donna, la quale, col ricorso in Cassazione, sostiene che quelle «telefonate» non possano essere considerate «moleste», richiamando, su tutto, il dato della «durata» – a conferma della disponibilità a parlare da parte della donna che aveva ricevuto le chiamate – e il dato dei contenuti, ossia i «rapporti extraconiugali» dell’uomo, finalmente rivelati alla moglie. Ogni contestazione, però, si rivela inutile.

La Cassazione ritiene «non essenziale» il «numero ridotto delle telefonate». Allo stesso tempo, i giudici evidenziano che è irrilevante la «mancata interruzione delle conversazioni» da parte della destinataria: tale «atteggiamento» non poteva «essere interpretato come acquiescenza», soprattutto tenendo presente l’«importanza delle rilevazioni che le erano state fatte». Anzi, su quest’ultimo punto i giudici si soffermano ulteriormente per spiegare che, paradossalmente, i «motivi biasimevoli» erano insiti «nello stesso contenuto delle rivelazioni» effettuate tramite telefono. Tutto ciò conduce alla conferma della condanna per la donna, con relativa ammenda.

Fonte: www.dirittoegiustizia.it  /Svela alla moglie dell'ex amante la relazione extraconiugale: condannata per molestie telefoniche - La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Vaccini, bimbi esonerati solo con il certificato

È stato pubblicato il vademecum per le famiglie, le Asl e le scuole della nuova legge sui vaccini obbligatori. Le regole sono quelle del dec...