giovedì 25 giugno 2015

Spese straordinarie incluse nell’assegno mensile, il rischio per i figli è troppo alto

Per spese straordinarie si intendono quelle che, per la loro rilevanza, imprevedibilità e imponderabilità, esulano dall’ordinario regime di vita dei figli. Perciò, la loro inclusione in via forfettaria nell’ammontare dell’assegno, posto a carico di uno dei genitori, può essere in contrasto con i principi di proporzionalità e di adeguatezza del mantenimento, nonché recare pregiudizio ai figli. Lo afferma la Cassazione nella sentenza 11894/15.

Il caso

In una causa di separazione personale, la Corte d’appello de L’Aquila disponeva l’affidamento condiviso ad entrambi i genitori del figlio minore e provvedeva sul contributo di mantenimento, a carico del padre, del figlio, determinato in 750 euro mensili onnicomprensivi. La madre ricorreva in Cassazione, lamentando l’indebita inclusione delle spese straordinarie nell’importo dell’assegno posto a carico del padre e determinato in misura fissa. La Cassazione ricorda che per spese straordinarie si devono intendere quelle che, per la loro rilevanza, imprevedibilità e imponderabilità, esulano dall’ordinario regime di vita dei figli. Perciò, la loro inclusione in via forfettaria nell’ammontare dell’assegno, posto a carico di uno dei genitori, può essere in contrasto con i principi di proporzionalità e di adeguatezza del mantenimento, nonché recare pregiudizio ai figli, che potrebbero essere privati di cure necessarie o di altri indispensabili apporti. Di conseguenza, «pur non trovando la distribuzione delle spese straordinarie una disciplina specifica nelle norme inerenti alla fissazione dell’assegno periodico», si deve ritenere che la soluzione di stabilire in via forfettaria ed aprioristica ciò che è imponderabile ed imprevedibile appare in contrasto con il principio logico secondo cui solo ciò che è determinabile può essere preventivamente quantificato. In più, una soluzione del genere introdurrebbe, nell’individuazione del contributo in favore dei figli, «una sorta di alea incompatibile con i principi che regolano la materia». Per questi motivi, la Cassazione accoglie il ricorso e rimanda la decisione ai giudici di merito.

Fonte: www.dirittoegiustizia.it/Spese straordinarie incluse nell’assegno mensile, il rischio per i figli è troppo alto - La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Lavoro domestico, nessun obbligo di comunicare l’infortunio lieve

I datori di lavoro domestici non hanno l’obbligo di comunicare all’INAIL gli infortuni sul lavoro lievi, anche quando si tratta di prestazio...