giovedì 11 giugno 2015

Precompilata, correzione “fai-da-te” entro il 29 giugno

Solo perché è il primo anno e solo per una volta i contribuenti potranno correggere “self-made” gli errori commessi nel 730 precompilato già inviato, senza doversi rivolgere a un Caf o a un professionista abilitato. La chance offerta, però, non dura troppo: a partire da ieri ed entro il 29 giugno occorrerà procedere alla rettifica degli errori commessi. Con Provvedimento n. 78849/2015, diffuso ieri, le Entrate hanno chiarito la procedura da seguire per effettuare la correzione. Ve la riepiloghiamo brevemente.

Come fare per procedere alla correzione 

Come accennato, la rettifica consiste in un nuovo invio della dichiarazione. A tal fine il contribuente deve: accedere con le proprie credenziali all’area del sito internet dell’Agenzia delle Entrate dedicata al 730 precompilato; riaprire la dichiarazione già trasmessa; apportare le modifiche necessarie; procedere all’invio della dichiarazione sostitutiva.

Quali sono gli errori che possono essere corretti

Il contribuente mediante il “rinvio” potrà rimediare ai dati errati o incompleti. A titolo esemplificativo, le Entrate, segnalano tra le correzioni l’aggiunta degli oneri precedentemente dimenticati, la modifica della dichiarazione a seguito delle rettifiche della Certificazione Unica comunicate dal sostituto d’imposta dopo il primo invio del 730 precompilato e anche l’inserimento delle detrazioni non considerate precedentemente.

Tempi e condizioni per la correzione

La sostituzione della dichiarazione è ammessa una sola volta e la nuova dichiarazione annulla e sostituisce quella già inviata. I termini per le rettifiche si chiudono al 29 giugno salvo che per i contribuenti che abbiano presentato il 730 in assenza del sostituto d’imposta che effettua i conguagli utilizzando la procedura web resa disponibile dall’Agenzia e che abbiano trasmesso, entro il 16 giugno 2015, il modello F24 per il pagamento delle somme dovute. Per loro c’è meno tempo: potranno presentare il 730 sostitutivo fino al 21 giugno 2015.

Fonte:  www.fiscopiu.it/news/Precompilata, correzione “fai-da-te” entro il 29 giugno - La Stampa

Nessun commento:

Posta un commento

Lavoro domestico, nessun obbligo di comunicare l’infortunio lieve

I datori di lavoro domestici non hanno l’obbligo di comunicare all’INAIL gli infortuni sul lavoro lievi, anche quando si tratta di prestazio...