giovedì 25 giugno 2015

Pensioni, i rimborsi saranno pagati dal 1° agosto e spetteranno anche agli eredi

I rimborsi delle pensioni superiori tre volte il minimo, previsti da un provvedimento del governo (che ha però stabilito un rimborso parziale) dopo la sentenza della Corte Costituzionale, spettano "anche per le pensioni che al momento della lavorazione risulteranno eliminate".

E' quanto scrive l'Inps in una circolare (numero 125) pubblicata sul sito dell'istituto.

"Il pagamento delle spettanze agli aventi titolo - si legge - sarà effettuato a domanda nei limiti della prescrizione". In sostanza, i rimborsi spetteranno anche agli eredi degli aventi titolo. Basterà presentare una domanda all'Inps prima che scatti la prescrizione.

Nella circolare viene descritta in dettaglio la misura della rivalutazione automatica per gli anni 2012, 2013 e 2014, riconosciuta in base all'importo complessivo dei trattamenti pensionistici degli aventi diritto. Come disposto dal decreto legge del Governo 65/2015, gli importi dovuti a titolo di arretrati saranno corrisposti agli interessati a decorrere dal 1° agosto 2015.

I pensionati con redditi da pensione pari a 1.500 euro al mese al momento della sentenza della Consulta avranno il 1° agosto un rimborso "una tantum" per il periodo gennaio 2012-agosto 2015 pari 796,27 euro. La base della pensione sarà poi pari a 1.525,49 euro da agosto 2015 e a 1.541,75 euro da gennaio 2016

Fonte: www.italiaoggi.it/Pensioni, i rimborsi saranno pagati dal 1° agosto e spetteranno anche agli eredi - News - Italiaoggi

Nessun commento:

Posta un commento

Mutuo, detrazione degli interessi in caso di morte del coniuge

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione 129/E, precisa che «il coniuge superstite può usufruire della detrazione per gli interessi passi...