giovedì 18 giugno 2015

Ferrara: Vergani ‘occupato’, assolti i ragazzi

Sono finiti sotto processo per l’occupazione lampo dell’Istituto Vergani, in città, avvenuto a fine novembre del 2012.

Sette minori e tre maggiorenni, studenti dell’istituto, secondo l’accusa chiusero la porta dell'istituto alberghiero Vergani con catena e lucchetto nel bel mezzo di una manifestazione studentesca. Per gli studenti quello fu un gesto dimostrativo, per la polizia e poi gli inquirenti, codice alla mano, «occupazione arbitraria di pubblico edificio».

Ieri, invece, per i giudici del Tribunale dei minorenni, l’atto di quel novembre di 3 anni fa non fu occupazione e almeno i sette minorenni (i maggiorenni sono stati processati dal tribunale normale e non si ha notizia dell’esito) sono stati prosciolti, dal non luogo a proceder che aveva chiesto lo stesso procuratore dei minori. «Siamo soddisfatti dell’esito di questo procedimento - spiegava ieri Emiliano Mancino, uno dei difensori dei giovani assieme ai colleghi Prosperi, Gilli, Breveglieri, Martina e Morabito), soprattutto per i ragazzi coinvolti e le loro famiglie e visto che aveva accesso preoccupazione e in questo modo si sono lasciati alle spalle questa brutta disavventura». L’azione, si ricorda, fu pacifica e aveva preso il via da un corteo studentesco sfilato per le vie della città con l'obiettivo di «difendere la scuola pubblica».

Poi davanti al ‘Vergani' una decina di ragazzi entrò a scuola e chiuse quel portone. Il giudice hanno spiegato i difensori ha valutato la tenuità del fatto-reato, (occupazione), e soprattutto il fatto che fu limitato a poco tempo e i ragazzi aderirono subito a sbloccare porta e situazione e sgomberare. Alla fine tutto cancellato.

fonte: www.lanuovaferrara.it/(d.p.)/Vergani ‘occupato’, assolti i ragazzi - Cronaca - La Nuova Ferrara

Nessun commento:

Posta un commento

La sanzione accessoria della revoca della patente di guida non ha natura penale

La sanzione inflitta in via accessoria della revoca della patente di guida non ha natura penale. Lo ribadisce con fermezza la Corte di cassa...