martedì 7 aprile 2015

G8 Genova: Italia condannata per torture

I giudici della Corte europea per i diritti dell'uomo di Strasburgo hanno stabilito all'unanimità che l'Italia violò l'articolo 3 della Convenzione sui diritti dell'uomo, che vieta la tortura, durante l'irruzione alla scuola Diaz di Genova nella notte tra il 21 e il 22 luglio 2001 in occasione del G8 in corso nella città ligure.

All'origine del procedimento c'è un ricorso presentato da Arnaldo Cestaro, rappresentati dagli avvocati Nicolò e Natalia Paoletti, Joachim Lau e Dario Rossi. I giudici hanno deciso all'unanimità che lo Stato italiano ha violato l'articolo 3 della Convenzione sui diritti dell'uomo, che recita: "Nessuno può essere sottoposto a tortura né a pene o trattamenti inumani o degradanti".

L'Italia dovrà versare a Cestaro un risarcimento di 45mila euro.

Fu di 82 attivisti feriti, 4 dei quali finiti in ospedale in prognosi riservata, il bilancio della violenta irruzione della polizia nella scuola Diaz di Genova durante il G8 del 2001.

La notte del 21 luglio, dopo due giorni di scontri tra manifestanti e forze dell'ordine nella strade del capoluogo ligure, centinaia di poliziotti entrarono con la forza nell'edificio scolastico dove era stato allestito il dormitorio del Genoa Social Forum e aggredirono gli attivisti trovati al suo interno, molti dei quali stavano già dormendo.

Durante il blitz, definito dal vicequestore Michelangelo Fournier un pestaggio da "macelleria messicana", furono fermati 93 manifestanti provenienti da varie città italiane e dall'estero.

Tra gli attivisti arrestati, 63 furono trasferiti in ospedale e una ventina furono portati nella caserma della polizia di Bolzaneto, dove vennero sottoposti ad altre violenze e torture. Tra i feriti più gravi, il giornalista inglese Mark Covell, che finì in coma dopo essere stato assalito e picchiato dagli agenti.

Per giustificare la mattanza, alcuni dei responsabili delle forze dell'ordine decisero di portare all'interno della scuola Diaz delle bottiglie molotov trovate in città durante gli scontri e degli attrezzi da lavoro recuperati in una cantiere vicino, per utilizzarli come prove della presenza di numerosi black block nell'edificio.

Un poliziotto, Massimo Nucera, affermò anche di essere stato aggredito con un coltello da uno degli ospiti della struttura, mostrando un taglio sul proprio giubbotto antiproiettile ma la sua versione si rivelò falsa e fu successivamente accusato di calunnia. Complessivamente furono 125 i poliziotti finiti sotto accusa per il violento blitz.

fonte: www.altalex.com//G8 Genova: Italia condannata per torture

Nessun commento:

Posta un commento

Cassette di sicurezza violate, la banca deve risarcire quanto denunciato dal cliente

Nel contenzioso per il risarcimento da furto nella cassetta di sicurezza il giudice può basarsi anche solo sul giuramento estimatorio del cl...