domenica 1 febbraio 2015

Giardino recintato, il singolo condomino può farsi paladino del verde comune

Ciascun comproprietario, in quanto titolare di un diritto che, sia pure nei limiti segnati dalla concorrenza dei diritti degli altri partecipanti, investe l’intera cosa comune (e non una frazione della stessa), è legittimato ad agire o resistere in giudizio, anche senza il consenso degli altri, per la tutela della cosa comune, nei confronti dei terzi o di un singolo condomino. Lo afferma la Cassazione nell’ordinanza 1650/2015.

Il caso

Una coppia, proprietaria di due appartamenti in un condominio, chiedeva l’accertamento della natura condominiale di una fascia di terreno (originariamente destinato a verde condominiale), recintato e chiuso con una rete metallica da due condomine. La Corte d’appello di Venezia accoglieva la domanda, dichiarando che l’area era comune a tutti i condomini e sancendo il loro diritto ad eliminare ogni ostacolo, ma demandando alle decisioni dell’assemblea condominiale la concreta regolazione dell’utilizzo del terreno.

L’erede di una delle convenute ricorreva in Cassazione, lamentando violazione del contraddittorio. Era, infatti, necessario che il contraddittorio venisse esteso a tutti i condomini, in conseguenza dell’oggetto della sentenza di accertamento chiesta al primo giudice, relativa all’appartenenza ai beni del condominio del terreno recintato. La Cassazione, però, ricorda che ciascun comproprietario, in quanto titolare di un diritto che, sia pure nei limiti segnati dalla concorrenza dei diritti degli altri partecipanti, investe l’intera cosa comune (e non una frazione della stessa), è legittimato ad agire o resistere in giudizio, anche senza il consenso degli altri, per la tutela della cosa comune, nei confronti dei terzi o di un singolo condomino. Nel caso, non si trattava di un’ipotesi di litisconsorzio necessario sostanziale, per cui non trovava applicazione la sanzione dell’estinzione del giudizio in caso di mancata integrazione con tutti i condomini. Per questi motivi, la Corte di Cassazione rigetta il ricorso.

Fonte: www.dirittoegiustizia.it /La Stampa - Giardino recintato, il singolo condomino può farsi paladino del verde comune

Nessun commento:

Posta un commento

Sgombero immobili abusivamente occupati: responsabile dell’inerzia è il Ministero

Occupazione abusiva di uno stabile: il Tribunale di Roma condanna il Ministero dell’Interno al risarcimento dei danni, nella misura di € 266...