venerdì 12 settembre 2014

Licenziato, ma comunque messo meglio dell’ex moglie: assegno divorzile confermato

Durissimo colpo per l’uomo, che perde il lavoro. Nonostante ciò, egli deve comunque far fronte all’obbligo di versare il previsto contributo mensile in favore dell’ex moglie. Unica concessione, da parte dei giudici, la riduzione dell’assegno, passato da 600 euro a 450 euro (Cassazione, ordinanza 14501/14).

Il caso

Procedura conclusa: viene ufficializzata la «cessazione degli effetti civili del matrimonio». E sulle spalle dell’uomo viene caricato l’onere di versare un «contributo mensile di 600 euro» in favore della ex moglie e uno di «400 euro in favore della figlia, convivente con la madre e non ancora indipendente economicamente». Secondo l’uomo, però, è stato ignorato un fatto decisivo: il «licenziamento dal suo posto di lavoro», con conseguente peggioramento delle proprie «condizioni economiche». Allo stesso tempo, ancora l’uomo sostiene che l’ex moglie «non aveva diritto all’assegno divorzile, in considerazione del suo patrimonio immobiliare, delle sue condizioni economiche e della durata estremamente breve del matrimonio, durato solo alcuni mesi».

Tali obiezioni, però, permettono all’uomo solo di ottenere una riduzione dell’«assegno divorzile», portato a «450 euro mensili». E tale cifra viene ‘cristallizzata’, ora, dai giudici del ‘Palazzaccio’, i quali ritengono prevalente, rispetto al «licenziamento» subito dall’uomo, la precaria posizione patrimoniale dell’ex moglie. Quest’ultima, difatti, è impossibilitata a «procurarsi, con i propri mezzi economici, non solo un tenore di vita tendenzialmente corrispondente a quello goduto in costanza di matrimonio», ma anche, addirittura, «un tenore di vita dignitoso». Inoltre, concludono i giudici, la «forte sproporzione dei redditi dei due ex coniugi» non può certo essere riequilibrata dalle «condizioni patrimoniali» della donna.

Fonte: www.dirittoegiustizia.it /La Stampa - Licenziato, ma comunque messo meglio dell’ex moglie: assegno divorzile confermato

Nessun commento:

Posta un commento

Stalking: punibile chi entra costantemente nel profilo Facebook della ex

E’ perseguibile per stalking colui che si intromette nella vita privata di una persona, allo scopo di destabilizzarla con condotte ossessiv...