lunedì 19 maggio 2014

Continue offerte commerciali per telefono? Stop all’utilizzo dei dati personali che non siano stati comunicati direttamente dal cliente

Una società che abbia acquisito indirettamente nomi di alcuni clienti di altra società, deve astenersi dall’utilizzare i dati personali per comunicare offerte commerciali, ma non è tenuta a cancellarli se la richiesta non è pervenuta tempestivamente. Lo ha precisato la Cassazione nell' ordinanza 5452/14.

Il caso

Un socio accomandatario di una società d’assicurazioni proponeva dinanzi al Tribunale di Ferrara opposizione avverso la decisione adottata dal Garante della Privacy per la protezione dei dati personali, con cui quest’ultimo aveva accolto il ricorso presentato da tre persone. Costoro avevano lamentato di ricevere continue telefonate per conto di una società che offriva loro tariffe vantaggiose, sostenendo che i dati utili all’effettuazione delle telefonate provenissero dall’archivio dell’agenzia assicurativa di cui erano clienti. Il Garante aveva accolto il ricorso, intimando alla società di non utilizzare ulteriormente i dati personali per comunicare offerte commerciali, mentre aveva rigettato la richiesta di cancellazione dei dati, attesi che essa era stata formulata tardivamente dai ricorrenti. Avverso tale provvedimento, proponeva ricorso il titolare dell’azienda chiedendone l’annullamento e la conseguente cancellazione dal sito internet del Garante dei nomi relativi alle parti processuali. Il ricorrente lamentava che poiché l’interpello non era stato proceduto ex art. 7 d.lgs 196/2003, lo stesso doveva essere dichiarato inammissibile ai sensi dell’art. 148, comma 1, lett. b) d.lgs. citato. La Corte ritiene il ricorso inammissibile, perché a contrario di quanto affermato invece dai ricorrenti, risulta che in sede d’interpello i signori non avevano chiesto sola la cancellazione dei dati. Pertanto la decisione del Garante era assolutamente coerente, e quindi corretta l’inibizione all’utilizzare i dati da parte della società, ma non la cancellazione degli stessi in quanto venne richiesta dagli interessati solo successivamente all’interpello e in sede di ricorso.

Fonte: www.dirittoegiustizia.it /La Stampa - Continue offerte commerciali per telefono? Stop all’utilizzo dei dati personali che non siano stati comunicati direttamente dal cliente

Nessun commento:

Posta un commento

Mutuo, detrazione degli interessi in caso di morte del coniuge

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione 129/E, precisa che «il coniuge superstite può usufruire della detrazione per gli interessi passi...