lunedì 28 aprile 2014

Convivente con una donna italiana e padre di un minore: confermata comunque l’espulsione

Respinta l’ipotesi dell’applicazione della tutela prevista per gli stranieri conviventi con parenti o con il coniuge. Decisiva la constatazione che il rapporto para-familiare, sul suolo italico, non sia riconosciuto ufficialmente nell’ordinamento giuridico dello Stato di appartenenza del cittadino straniero (Cassazione, ordinanza 3373/14).

Il caso

Convivenza more uxorio con una donna italiana, e, a completare il quadro para-familiare, anche la presenza di un minore. Ciò, però, non può mettere in discussione l’espulsione dall’Italia del cittadino straniero – originario della Liberia –, privo di “titolo di soggiorno” e la cui domanda di protezione internazionale sia stata respinta. A dare il ‘la’ alla vicenda è la decisione del Prefetto di «espellere dal territorio nazionale un cittadino della Liberia», e consequenziale è l’azione del Questore che dispone «l’allontanamento dello straniero». E a chiudere il cerchio provvede il Giudice di pace, ritenendo corretta l’«espulsione» dell’uomo, soprattutto tenendo presente l’«assenza di titolo di soggiorno» e la risposta negativa, data dal Tribunale, alla «domanda di protezione internazionale». Per mettere in discussione tale decisione, però, l’uomo richiama, ancora una volta, la propria ‘famiglia’ in Italia: egli sostiene di convivere con una «cittadina italiana» e di essere «padre di un minore». Perché, domanda l’uomo, escludere, allora, l’applicazione della tutela ‘speciale’ prevista, nel ‘Testo unico sull’immigrazione’, per gli «stranieri conviventi con parenti o con il coniuge, di nazionalità italiana»? Ma l’obiezione mossa dall’uomo viene respinta dai giudici della Cassazione, i quali, difatti, confermano la legittimità dell’«espulsione». Alla base delle valutazioni dei giudici del ‘Palazzaccio’ due riferimenti fondamentali: la sentenza numero 376 del 2000 della Corte Costituzionale – che «ha esteso la protezione invocata dalla madre al marito convivente» – e la sentenza numero 192 del 2006, sempre della Corte Costituzionale – che ha sancito come corretta la «mancata estensione della protezione al mero convivente della donna in gravidanza o della puerpera». Andando nei dettagli, comunque, i giudici chiariscono che la «causa di esclusione dell’espulsione», prevista in caso di «sussistenza di un rapporto di coniugio, e di convivenza, dell’espellendo con una donna in stato di gravidanza», può essere operativa sì, però a patto che «tale rapporto trovi riconoscimento nell’ordinamento giuridico dello Stato di appartenenza dello straniero». Mancando questo elemento, è inappuntabile l’«espulsione» dello straniero, soprattutto tenendo presente «l’interesse nazionale al controllo dell’immigrazione».

Fonte: www.dirittoegiustizia.it /La Stampa - Convivente con una donna italiana e padre di un minore: confermata comunque l’espulsione

Nessun commento:

Posta un commento

La sanzione accessoria della revoca della patente di guida non ha natura penale

La sanzione inflitta in via accessoria della revoca della patente di guida non ha natura penale. Lo ribadisce con fermezza la Corte di cassa...