martedì 4 marzo 2014

Ex troppo geloso, ma non è un bullo: esclusi i futili motivi

La gelosia è uno stato passionale, causa non infrequente di delitti gravissimi, e quindi non può essere considerata un motivo futile. Lo ha chiarito la Cassazione con la sentenza 48162/13.

Il caso

Una discussione tra 2 giovani degenera in una lite che, purtroppo, porta alla morte di uno dei due ragazzi. In pratica, la ex dell’imputato si era ‘messa’ con l’altro ragazzo, la vittima della vicenda. Inizia una lite, per ‘fargliela pagare’, che termina con la morte di uno dei ragazzi, a causa di un colpo violento inferto alla testa con un cacciavite. Scatta, quindi, la condanna per omicidio aggravato dai motivi futili e dall’aver agito con crudeltà. Secondo i giudici di merito, infatti, l’imputato non aveva agito per ragioni di gelosia, ma per una sorta di bullismo, «volendo egli affermare la propria personalità» e punire la vittima che aveva osato accompagnarsi con la sua (ormai ex) ragazza. Di diverso avviso i Giudici di Cassazione che ritengono insussistenti le aggravanti dei futili motivi e dell’avere agito con crudeltà. L’imputato contestava alla vittima di essersi messo con la sua ragazza. Infatti, secondo gli Ermellini, l’imputato non avrebbe agito per bullismo e per affermare la propria personalità, in quanto la spinta preponderante all’azione «appare essere la gelosia che peraltro, tra le sue componenti, ha anche il desiderio di dimostrare – alla ex alla quale si è ancora legati, a se stesso e a tutti – di essere il più forte che non tollera di essere offeso». L’aggravante dei futili motivi – ha precisato la Cassazione – ricorre quando sussiste «un’evidente sproporzione tra movente ed azione delittuosa, tanto che il motivo, in alcun modo atto a giustificare il reato commesso, appaia più un pretesto, legato all’istinto criminale del reo, che una vera e propria causa determinata dal reato». La gelosia, invece, aggiunge la Corte, «è uno stato passionale», causa non infrequente di delitti gravissimi, e quindi «non può essere considerata un motivo futile». In conclusione, la sentenza impugnata viene annullata limitatamente alle circostanze ed al trattamento sanzionatorio.



Fonte: www.dirittoegiustizia.it /La Stampa - Ex troppo geloso, ma non è un bullo: esclusi i futili motivi

Nessun commento:

Posta un commento

Lavoro domestico, nessun obbligo di comunicare l’infortunio lieve

I datori di lavoro domestici non hanno l’obbligo di comunicare all’INAIL gli infortuni sul lavoro lievi, anche quando si tratta di prestazio...