martedì 7 gennaio 2014

Sì alla custodia cautelare in carcere se serve ad interrompere l’attività criminosa

Nella motivazione della custodia cautelare in carcere il giudice non  è tenuto a spiegare perché  le misure alternative siano inadeguate, essendo sufficiente un giudizio sulla idoneità della reclusione ad interrompere i rapporti con il mondo criminale. Lo ha chiarito la Corte di cassazione, con la sentenza 130/2014, rigettando il ricorso di un uomo di 32 anni indagato in un procedimento per spaccio che aveva chiesto di essere affidato ad una comunità di recupero

  © RIPRODUZIONE RISERVATA
fonte: ilsole24ore/Sì alla custodia cautelare in carcere se serve ad interrompere l’attività criminosa

Nessun commento:

Posta un commento

Lavoro domestico, nessun obbligo di comunicare l’infortunio lieve

I datori di lavoro domestici non hanno l’obbligo di comunicare all’INAIL gli infortuni sul lavoro lievi, anche quando si tratta di prestazio...