lunedì 27 gennaio 2014

Privacy, danno da risarcire anche se l’articolo giornalistico non riporta i nomi

Giornalisti ed editore devono risarcire il danno morale ed esistenziale per la violazione del diritto alla riservatezza anche se i protagonisti del servizio giornalistico pur non citati esplicitamente sono comunque riconoscibili. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 1608/2014, confermando la condanna al pagamento di 50mila euro a favore di una mamma e 10mila euro alla figlia

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

fonte: ilsole24ore.com/Privacy, danno da risarcire anche se l’articolo giornalistico non riporta i nomi

Nessun commento:

Posta un commento

Lavoro domestico, nessun obbligo di comunicare l’infortunio lieve

I datori di lavoro domestici non hanno l’obbligo di comunicare all’INAIL gli infortuni sul lavoro lievi, anche quando si tratta di prestazio...