mercoledì 8 gennaio 2014

Divorzio, i tre anni decorrono dall’udienza di comparizione fino a prova contraria

In assenza di prove diverse, il computo dei tre anni di separazione necessari per la pronuncia di divorzio decorrono dal giorno della comparizione personale che comporta la formale constatazione della volontà dei coniugi di cessare la convivenza. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 139/2014, respingendo il ricorso di un marito che aveva sostenuto il mancato decorso del termine in quanto la separazione non era stata “ininterrotta”, e indicando la data della seconda separazione quale termine iniziale per la decorrenza

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

fonte: ilsole24ore.com/Divorzio, i tre anni decorrono dall’udienza di comparizione fino a prova contraria

Nessun commento:

Posta un commento

Mutuo, detrazione degli interessi in caso di morte del coniuge

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione 129/E, precisa che «il coniuge superstite può usufruire della detrazione per gli interessi passi...