martedì 7 gennaio 2014

Cassazione: la compagna non è ospite, ha diritto a restare in casa

La convivente non è solo un’ospite nella casa dove risiede con il suo compagno, e pertanto non può essere buttata fuori di casa dai parenti di quest’ultimo. Lo sottolinea la Cassazione che ha dato ragione a una donna di Torino che, in assenza del compagno, era stata messa alla porta dal fratello di questi, proprietario dell’appartamento.

La donna abitava con il suo convivente nella casa che questi aveva avuto in comodato gratuito dal fratello. Approfittando di un lungo periodo di ricovero in ospedale a seguito di un incidente, i familiari dell’uomo si erano introdotti nell’appartamento e avevano cambiato la serratura per impedire alla compagna di tornare a casa. Quindi questa aveva portato in tribunale i parenti acquisiti e si era vista riconoscere il diritto ad abitare nella casa in base all’accordo di comodato, diritto però poi negato dalla Corte d’Appello di Torino. La Cassazione, con la sentenza n.7 di quest’anno, ha accolto il suo ricorso.

In ragione «del rilievo sociale che ha ormai assunto per l’ordinamento la famiglia di fatto», sottolinea la seconda sezione civile, «la convivenza more uxorio, quale forma sociale che dà vita ad un autentico consorzio familiare», determina sulla casa di abitazione dove si svolge e si attua il programma di vita in comune, «un potere di fatto basato su di un interesse proprio del convivente ben diverso da quello derivante da ragioni di pura ospitalità, tale da assumere i connotati tipici di una detenzione qualificata». E quindi non è legittima «l’estromissione violenta o clandestina dall’unità abitativa».

fonte: La Stampa - Cassazione: la compagna non è ospite, ha diritto restare in casa

Nessun commento:

Posta un commento

Vaccini, bimbi esonerati solo con il certificato

È stato pubblicato il vademecum per le famiglie, le Asl e le scuole della nuova legge sui vaccini obbligatori. Le regole sono quelle del dec...