venerdì 15 novembre 2013

PENALISTI: Gratuito patrocinio, pronti alla mobilitazione contro la riduzione dei compensi

L'Unione delle Camere penali torna a ribadire la propria "assoluta contrarietà alla riduzione dei compensi ai difensori di persone ammesse al patrocinio a spese dello Stato", prevista dal Ddl stabilità, e si riserva di "intervenire nelle sedi più appropriate" e di "assumere tutte le iniziative necessarie a tutela dell'effettività del diritto di difesa dei cittadini meno abbienti". In una delibera inviata al Consiglio Nazionale Forense, al Consiglio di Stato, al Ministro della Giustizia, al Presidente del Consiglio dei Ministri, ai Presidenti e ai componenti delle Commissioni Giustizia della Camera e del Senato, i penalisti chiedono che "in accoglimento di emendamenti già presentati da alcuni parlamentari, venga eliminata la previsione di riduzione contenuta nel Ddl di stabilità", assieme a "quella oggetto della bozza di decreto ministeriale sui parametri" (che prevede una riduzione del 30%), e che "mostrando finalmente sensibilità verso questo delicato settore, si intervenga sui tempi di liquidazione degli onorari". Dimezzare "il compenso di coloro che pongono a disposizione la propria attività professionale in favore dei cittadini meno abbienti", fa notare l'Ucpi, si traduce in una "grave violazione del diritto ad una difesa effettiva a scapito delle fasce più deboli della popolazione".

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

fonte: ilsole24ore/PENALISTI: Gratuito patrocinio, pronti alla mobilitazione contro la riduzione dei compensi

Nessun commento:

Posta un commento

Lavoro domestico, nessun obbligo di comunicare l’infortunio lieve

I datori di lavoro domestici non hanno l’obbligo di comunicare all’INAIL gli infortuni sul lavoro lievi, anche quando si tratta di prestazio...