giovedì 21 novembre 2013

Pedopornografia: nuove aggravanti e intercettazioni per il reato di adescamento

Implementazione di nuove circostanze  aggravanti, estensione dell'uso delle intercettazioni telefoniche  o ambientali al delitto di adescamento di minori ed estendere  allo stesso reato la responsabilità amministrativa degli enti:  sono queste le novità contenute nel decreto legislativo in  materia di lotta contro l'abuso e lo sfruttamento sessuale dei  minori e la pornografia minorile, approvato oggi dal consiglio  dei ministri.

Il provvedimento, che attua la direttiva Ue 92 del 2011 del  Parlamento europeo e del Consiglio del 13 dicembre 2011 e  sostituisce la decisione quadro 2004/68/GAI del Consiglio,  "costituisce - sottolinea il ministero della Giustizia - un  importante strumento di rafforzamento della tutela dei minori,  andando ad integrare, sia sul piano sostanziale che delle  indagini, un apparato normativo, come quello italiano, che in  materia è già puntuale e ricco di strumenti di tutela".

In particolare, sono state introdotte  tre nuove fattispecie aggravanti nel caso in cui il reato sia  commesso da più persone riunite, sia commesso da persona che fa  parte di un'associazione per delinquere e al fine di agevolarne  l'attività o sia commesso con violenze gravi oppure sia causa di  un pregiudizio grave verso il minore.  Inoltre, è integrato il catalogo dei reati per i quali è  consentito, pur in presenza di un massimo edittale della pena  inferiore ai cinque anni di reclusione, l'utilizzazione dello  strumento delle intercettazioni telefoniche o telematiche, ora  estesa anche al delitto di adescamento di minori, previsto  dall'articolo 609-undecies del codice penale. Sul versante della  responsabilità amministrativa degli enti, infine, è esteso anche  al suddetto delitto il catalogo dei reati in relazione ai quali è  possibile configurare la responsabilità dell'ente a vantaggio del  quale l'illecito può essere commesso.

  © RIPRODUZIONE RISERVATA
fonte: ilsole24ore//Pedopornografia: nuove aggravanti e intercettazioni per il reato di adescamento

Nessun commento:

Posta un commento

La sanzione accessoria della revoca della patente di guida non ha natura penale

La sanzione inflitta in via accessoria della revoca della patente di guida non ha natura penale. Lo ribadisce con fermezza la Corte di cassa...