martedì 1 ottobre 2013

Treni, sempre dovuto il rimborso per il ritardo

Cgue - Sentenza 26 settembre 2013 - Causa C-509/11

“I viaggiatori hanno diritto al rimborso parziale del prezzo del biglietto del treno in caso di ritardo significativo, anche se questo è causato da forze maggiori”, come il maltempo o agitazioni sindacali. Lo ha stabilito la Corte di Giustizia Ue il 26 settembre scorso nella causa C-509/11, secondo cui “il trasportatore non può invocare le norme del diritto internazionale che lo esonerano, in caso di forza maggiore, dal risarcimento del danno causato da un ritardo, per sottrarsi all'obbligo di rimborso”.

Per i giudici di Lussemburgo, dunque, “un'impresa ferroviaria non può inserire nelle proprie condizioni generali di trasporto una clausola che la esoneri dall'obbligo d'indennizzo per il prezzo del biglietto in caso di ritardo causato da forza maggiore”, perché ciò non è previsto dalle “regole uniformi, che rientrano nel diritto internazionale”. “L'indennizzo previsto dal regolamento - spiega infatti la Corte - calcolato sulla base del prezzo del biglietto di trasporto, ha una finalità del tutto diversa, ossia quella di compensare il prezzo pagato dal passeggero come corrispettivo per un servizio che non è stato eseguito conformemente al contratto di trasporto”.  

  © RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento:

Posta un commento

Mutuo, detrazione degli interessi in caso di morte del coniuge

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione 129/E, precisa che «il coniuge superstite può usufruire della detrazione per gli interessi passi...